Home News Caso Juventus CR7: la mancata convocazione fa capire chi comanda

Caso Juventus CR7: la mancata convocazione fa capire chi comanda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:32
CONDIVIDI

Alla vigilia del match contro l’Atalanta l’allenatore bianconero precisa: “Non servono chiarimenti, segue un programma post acciacchi e martedì c’è un match importante”

Cristiano Ronaldo non è stato convocato da Sarri per il match di Bergamo

Come annunciato in conferenza, Cristiano Ronaldo non è stato convocato da Maurizio Sarri per la partita di Bergamo contro l’Atalanta. Il tecnico, che ha allontanato i veleni scaturiti dalla sostituzione contro il Milan, ha spiegato l’importanza del fuoriclasse portoghese, intento a recuperare con un programma specifico di allenamenti dopo alcuni acciacchi fisici.

Leggi anche >> Mihajlovic sottoposto a trapianto di midollo osseo, l’ospedale: “Condizioni soddisfacenti”

L’ex trainer del Napoli non si è nascosto parlando di obiettivi e di scadenze. “Martedì – ha spiegato in conferenza – c’è una partita per noi fondamentale contro l’Atletico Madrid e la Champions è l’obiettivo numero uno. Con Cristiano si è deciso di stabilire un programma di allenamenti specifico, pertanto c’è da sacrificare questo match”.

CR7 punta l’Atletico, tra le sue vittime preferite in zona gol

Il fuoriclasse portoghese resterà dunque a casa, preparando la sfida con l’Atletico in programma martedì sera. Nel corso della rifinitura di lunedì verrà valutato un suo impiego che, salvo stravolgimenti, permetterà al giocatore con la casacca numero 7 di riprendere posto al centro dell’attacco. La Juventus, per bocca del suo allenatore, vuole scongiurare complicazioni. “Quando è rientrato dagli impegni con le nazionali – ha concluso Sarri – ci ha fatto capire chiaramente di aver avvertito dei fastidi nel corso del secondo dei due match. Lì ci siamo fermati e abbiamo valutato tutto attentamente, prendendo in esame una mancata convocazione per Bergamo. In questo momento è importante che vada avanti con il suo programma di allenamenti, anche perchè è condizionato mentalmente da un qualcosa che non gli permette di scendere in campo con la consueta tranquillità”.

Leggi anche >> Mario Balotelli, il tecnico del Brescia lo caccia via dall’allenamento