La corsa è finita: muore John Andretti, campione di Sprint Car

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:02

Se ne va una leggenda dello Sprint Car, è morto a soli 56 anni il pilota John Andretti, nipote di Mario. Ha perso la sua ultima corsa contro un tumore.

Aveva vinto innumerevoli corse, sfidando ogni volta il destino ad altissima velocità. Ma contro un tumore che l’aveva colpito al colon nel 2017, non ce l’ha fatta. Scompare a soli 56 anni una leggenda dello Sprint Car nel mondo: John Andretti. L’annuncio della sua morte prematura è arrivato dalla Andretti Autosport. Con un riferimento alla campagna di sensibilizzazione che John stesso aveva allestito, chiamandola #CheckIt4Andretti, per convincere la gente sull’importanza della prevenzione.

Leggi anche -> Coronavirus, primi due casi in Italia. Le dichiarazioni di Conte

Andretti era nato a Bethlehem, in Pennsylvania, aveva corso per 17 stagioni della Nascar, fino al 2010. Ha vinto due gare sulle 393 che ha disputato: una a Daytona nel 1997 e una straordinaria a Martinsville nel 1999. In tutto è arrivato 37 volte nei primi dieci. Ha anche fatto tre stagioni  in Indy tra il 1990 e il 1992 con una vittoria (in Australia, nel 1991) e con moltissime presenze nelle stagioni precedenti e successive a quel triennio. In tutto ha corso 12 volte la 500 Miglia di Indianapolis, con il 5° posto del 1991 come miglior piazzamento.

John è cresciuto a Indianapolis e si è poi stabilito a Charlotte, in North Carolina, con la sua famiglia, la moglie Nancy e i figli Olivia, Amelia e Jarett. Jarett che ha seguito la tradizione di famiglia, quella Aldo e Mario, di Michael e Marc e di papà John: corre in fuoristrada nella Sprint Car. Marco Andretti, nipote di Mario (figlio di Michael), ha twittato: “Il miglio Padrino. La tua passione per il Motorsport è stata ammirevole. Ti abbiamo perso troppo presto”.

 

Rest In Peace #JohnAndretti. The best godfather. Your passion for Motorsport was admirable. Always the good ones we lose too soon. 🙏🏽 #checkit4andretti pic.twitter.com/WtpSPDzdsV

Marco Andretti (@MarcoAndretti) January 30, 2020