Juventus-Napoli non si gioca: azzurri bloccati da… De Luca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:11

L’Asl della Campania ha ordinato la permanenza del Napoli a casa. Domani sera è prevista la sfida sul campo dei bianconeri. Anche la Juventus segnala due casi di positività tra lo staff.

napoli-juventus
Napoli e Juventus potrebbero non affrontarsi domani – meteoweek.com

Continuano a spuntare nuovi problemi nel sempre più difficile rapporto tra il calcio italiano e il Coronavirus. La nuova vicenda riguarda la partita più attesa della terza giornata di serie A, nonchè una delle più importanti di questo periodo. Stiamo parlando dell’incontro tra Juventus e Napoli, in programma domani sera all’Allianz Stadium. La partita, con ogni probabilità, verrà rinviata a data da destinarsi. Il motivo di questo rinvio è presto detto: in casa partenopea stanno affiorando, uno dopo l’altro, nuovi casi di positività al Covid.

Le prime avvisaglie che qualcosa in casa Napoli non andasse, erano legate alla sfida di domenica scorsa contro il Genoa. In particolare dopo che la formazione ligure aveva reso note le positività al tampone di quasi venti tesserati, tra giocatori e membri dello staff tecnico. Di conseguenza è partita la corsa al test da parte degli uomini allenati da Gennaro Gattuso e le prime notizie non potevano non essere scoraggianti su questo fronte. Dopo il primo giro di tamponi, a risultare positivi sono stati il centrocampista polacco Piotr Zielinski e un membro dello staff tecnico.

Nel frattempo, nel pomeriggio odierno è scoppiato un nuovo caso tra le fila del Napoli. Il club partenopeo ha ufficializzato la positività al tampone anche di un altro centrocampista, ovvero Eljif Elmas. Il macedone è risultato positivo dopo che il club campano, che si stava preparando alla sfida contro la Juventus, aveva reso nota la negatività di tutti coloro si erano sottoposti al test. Nel frattempo, anche in casa bianconera sono arrivate notizie poco incoraggianti su questo fronte. Il club campione d’Italia ha reso note due positività al Covid, anche se si tratta di elementi interni al club ma non vicini alla prima squadra.

Nel frattempo, la situazione ha preso una piega diversa poco prima dell’ora di cena. Intorno alle 19, infatti, l’Asl di Napoli 1 ha deciso di bloccare la partenza della formazione partenopea, attesa da un aereo che l’avrebbe portata all’aeroporto di Torino Caselle. I dirigenti napoletani erano già giunti nello scalo di Capodichino, in attesa che arrivassero anche i giocatori guidati da Gattuso. Un arrivo che non si è concretizzato, visto che l’azienda sanitaria locale ha dato comunicazione ai vertici del club. Nel frattempo la società sta discutendo i termini della questione con le istituzioni.

Leggi anche -> Perché il terrore vince sempre. Ragione e risvolti per cui la paura fa comodo a questo Governo

Leggi anche -> “Vado al pronto soccorso”, evade dai domiciliari fingendo di star male e viene denunciato

In questo momento, l’unica cosa certa appare il rinvio della sfida tra Juventus e Napoli. Si attende solo l’annuncio ufficiale, che arriverà dopo un confronto tra i vertici del calcio italiano, ma su questa decisione ci sono ormai pochi dubbi. Anche perchè non si hanno certezze sulla durata della quarantena dei calciatori, specialmente quelli negativi al tampone ma comunque entrati a contatto con Elmas e Zielinski. Nel frattempo, però, la Juventus comunica con un tweet che “la Prima Squadra scenderà in campo per la gara Juventus – Napoli domani alle 20.45, come previsto dal calendario della Lega di Serie A“.