Categorie
Motori

Valentino Rossi all’ultimo ballo | “Devo lavorare su me stesso”

Il campione di Tavullia si prepara alla prossima stagione in sella alla Yamaha del team Petronas. Valentino Rossi si è tolto anche qualche sassolino dalla scarpa: “Fino al 2016 eravamo in grado di vincere un Mondiale, poi sono iniziate le difficoltà”.

valentino rossi meteoweek
A breve si torna in sella – meteoweek.com (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

La prossima stagione sarà a dir poco particolare per Valentino Rossi. Un grande pilota, sempre abituato a correre per vincere o per stare comunque con i primi della classe, affronterà una specie di declassamento. Dopo tante stagioni in sella alla Yamaha del team ufficiale si metterà alla guida di una moto di un team clienti, il Petronas. Il tutto dopo un vero e proprio scambio con Fabio Quartararo, che si metterà in sella alla moto ufficiale per inseguire un titolo letteralmente buttato via nel 2020 dopo un inizio costellato da due vittorie consecutive.

Tornando a Valentino Rossi, è stato protagonista di un’intervista per il quotidiano tedesco Speedweek. Il campione di Tavullia è consapevole delle difficoltà che lo attenderanno nella prossima stagione. Tanto che si aspetta un grande lavoro nelle prossime settimane, in vista della prima gara: “La prossima stagione sarà una sfida difficile, dovremo lavorare bene in inverno ed essere pronti fin dalla prima gara. Negli ultimi anni di solito siamo sempre partiti bene, ma poi abbiamo sofferto nella seconda metà della stagione perché i nostri avversari sono cresciuti più di noi“.

Naturalmente, buona parte di questo grande lavoro durante l’inverno non passerà solo dagli sviluppi della moto. Valentino Rossi, infatti, è consapevole di avere tanto lavoro da fare in maniera interna e intima. Anche perchè il passaggio da un team a un altro non è facile da gestire. “Io devo lavorare molto su me stesso – ammette Valentino – , dobbiamo progredire in certe aree come le qualifiche, sempre più importanti, e poi dovremo spingere la Yamaha a migliorare sotto certi aspetti“.

Rossi in contemplazione della sua moto – meteoweek.com (Photo by JEAN-FRANCOIS MONIER/AFP via Getty Images)

Leggi anche -> Sainz vive il sogno Ferrari | “Non mi do scadenze, voglio vincere”

Nel frattempo, però, il numero 46 della griglia si è tolto anche qualche sassolino dalla scarpa. Soprattutto per evidenziare il lento e costante declino della sua Yamaha. In particolare, gli anni successivi al titolo sfumato nella sfida interna contro Jorge Lorenzo: “Fino al 2016 la Yamaha era molto competitiva e poteva vincere gare e titoli, ma dopo abbiamo avuto difficoltà maggiori. Non so però quanto sia dipeso dalla Yamaha o dalla crescita degli altri costruttori che sono migliorati molto: per essere competitivi anche noi dovremmo crescere come hanno fatto loro“.

Leggi anche -> Juventus-Fiorentina 0-3 | Cronaca | Tabellino | Highlights | Pagelle

Intanto Valentino Rossi ha già effettuato i primi giri con la sua nuova moto. E purtroppo per il campione di Tavullia sono già emersi i primi problemi sul piano della guidabilità. Ma per sua fortuna, è ancora presto per poter tirare le somme, visto che mancano ancora tre mesi prima dello start ufficiale della stagione: “Abbiamo difficoltà con il grip sulla ruota posteriore e se non riusciamo a far funzionare bene la gomma di dietro la moto diventa difficile da guidare: questo è il punto principale, cui va aggiunta la necessità di migliorare nel motore e nella velocità massima“.