Vicenza-Reggina 1-1 | Longo risponde a Bianchi | Cronaca | Tabellino | Highlights | Classifica

Gli amaranto guidati da Baroni passano in vantaggio poco prima della fine del primo tempo con Bianchi. Primo tempo abulico da parte del Vicenza. Nella ripresa l’ex Inter trova il pari prima di farsi espellere

vicenza reggina meteoweek
Esultanza Vicenza dopo il gol di Gabriele Gori. Ritiro Lazio amichevole Lazio v Vicenza. Auronzo di Caodre, 4 Settembre 2020 © Marco Rosi / Fotonotizia

Cronaca

Un punto e un gol a testa tra Vicenza e Reggina, nella gara valida per la giornata numero 14 di Serie B. Una partita che nel primo tempo ha raccontato veramente poco, tanto che lo 0-0 emerso dopo i primi 44 minuti sembrava giusto. Poi, nel finale di prima frazione un gran cross di Folorunsho veniva corretto in rete da Bianchi per il vantaggio amaranto. Nella ripresa, però, Plizzari combina la sciocchezza e regala a Samuele Longo la palla del pareggio. Pochi minuti dopo l’ex interista si fa espellere per doppia ammonizione. È il primo punto per Marco Baroni sulla panchina di calabresi.

Tabellino

VICENZA – REGGINA 1-1

Marcatori: 44′ Bianchi, 59′ Longo

VICENZA – Grandi; Zonta, Padella, Pasini, Barlocco; Dalmonte (91′ Jallow), Cinelli, Da Riva (83′ Rigoni), Giacomelli (79′ Cappelletti); Bizzotto (46′ Meggiorini), Longo. A disposizione: Zecchin, Perina, Scoppa, Tronchin, Guerra, Marotta, Fantoni, Cester. Allenatore: Di Carlo.

REGGINA – Plizzari; Delprato, Loiacono, Stavropoulos, Di Chiara; Bianchi, Crisetig, Folorunsho; Rolando (74′ Situm), Rivas, Bellomo (87′ Vasic). A disposizione: Farroni, Guarna, Cionek, Gasparetto, Peli, Marcucci, Mastour. Allenatore Baroni.

ARBITRO – Aureliano di Bologna. Assistenti: Grossi-Di Monte.

NOTE – ammoniti Loiacono, Barlocco, Crisetig, Bellomo, Cinelli, Padella. Espulso Longo per doppia ammonizione al 67′.

Classifica

Salernitana 28, Empoli 27, Cittadella e Spal 26, Frosinone 24, Monza e Venezia 23, Lecce 21, Chievo 20, Brescia e Pisa 18, Pordenone 17, Vicenza16, Cremonese e Reggiana 15, Cosenza 13, Pescara 12, Reggina11, Ascoli 6, Entella 5.

Vicenza – Reggina | Presentazione del match

Uno scontro salvezza in piena regola, seppur in condizioni mentali e fisiche diverse tra loro. Da una parte c’è il Vicenza, che sta vivendo un momento decisamente opposto rispetto ai padroni di casa. La formazione guidata da Domenico Di Carlo ha perso una sola gara – contro il Cittadella – nelle ultime cinque, nelle quali sono arrivati otto punti che hanno ribaltato la classifica. Ora i veneti sono fuori dalla zona retrocessione, con un vantaggio di cinque lunghezze dal terzultimo posto e di tre punti rispetto alle posizioni che valgono un posto ai playout. I biancorossi stanno vivendo un buon momento, anche in virtù delle ottime prestazioni dei giocatori più esperti. Tra le altre cose, l’unica battuta di arresto di dicembre è arrivata al termine di una prova buona da parte di un Vicenza in ottime condizioni.

Dall’altra parte c’è la Reggina, che ha ottenuto una sola vittoria in mezzo a tante sconfitte. La formazione amaranto sta forse pagando una campagna di rafforzamento estiva basata più sui nomi esotici che sulle reali necessità di Domenico Toscano. Nomi come quelli di Menez e Lafferty non hanno fatto al caso del mister che ha riportato la squadra della città dello Stretto in serie B. Ma alla fine ha pagato per tutti l’allenatore, sostituito da Marco Baroni. Il suo debutto non è stato facile, con una sconfitta interna sempre contro il Cittadella, ma i suoi toni in conferenza stampa e il confronto con i tifosi fanno ben sperare.

Probabili formazioni

VICENZA – Grandi; Bruscagin, Cappelletti, Padella, Barlocco; Guerra, Da Riva, L. Rigoni, Dalmonte; Meggiorini, Jallow. A disposizione: Perina, Zecchin, Bizzotto, Fantoni, Pasini, Cester, Cinelli, Scoppa, Tronchin, Zonta, Giacomelli, Longo, Marotta. Allenatore Domenico Di Carlo.

REGGINA – Plizzari; Del Prato, Loiacono, Stavropoulos, Di Chiara; Rolando, De Rose, Crisetig, Situm; Rivas, Vasic. A disposizione: Farroni, Guarna, Cionek, Gasparetto, Peli, Bianchi, Folorunsho, Marcucci, Mastour, Bellomo. Allenatore Marco Baroni.

ARBITRO – Aureliano di Bologna. Assistenti: Grossi-Di Monte.

Vicenza-Reggina | Precedenti e curiosità

Finora i precedenti tra Vicenza e Reggina, almeno relativamente alle gare disputate al “Romeo Menti”, sono appena sei. Anche perchè la compagine calabrese è arrivata piuttosto tardi al calcio che conta, mentre i biancorossi hanno trascorso diverse stagioni tra le grandi della serie A. Il primo incontro risale proprio alla massima serie 2000/2001: Marazzina aveva illuso gli ospiti con la rete del vantaggio, poi un’insolita doppietta del difensore Zanchi ha dato i tre punti ai padroni di casa.

Leggi anche -> Vicenza, parla Di Carlo | “Per vincere serve aggressività”

Tuttavia entrambe le formazioni sono andate in serie B al termine della stagione, così da ritrovarsi qualche mese dopo in cadetteria. Questa volta il risultato ha sorriso alla compagine calabrese, con le reti decisive messe a segno da Jiranek e dal figlio d’arte Savoldi, che hanno reso inutile il gol di Margiotta. Una vittoria che contribuito al ritorno immediato in serie A dei calabresi, mentre il Vicenza ha ottenuto in quell’occasione una tranquilla salvezza. In ogni caso ci sono voluti altri otto anni prima di un terzo round della sfida. Serie B 2009/2010, i biancorossi giocano da neopromossi e vincono per 3-1: reti di Di Cesare, Litteri e Sgrigna per i veneti, a nulla vale il gol ospite di Brienza.

Leggi anche -> Reggina, la carica di Baroni | “Voglio attenzione e concentrazione”

Il quarto confronto tra Vicenza e Reggina risale al campionato di serie B successivo, il 2010/2011: il gol decisivo è quello di Cosenza per la vittoria dei calabresi. Nella stagione seguente arriva il quinto confronto. Questa volta a vincere sono gli ospiti, allenati per l’occasione da Roberto Breda. Ma proprio quella gara, terminata a reti inviolate, è costata il posto al mister amaranto. Anche la sesta e ultima partita tra Vicenza e Reggina si è conclusa con uno scialbo 0-0, nel campionato di serie B 2012/2013. Un punto d’oro per la squadra della città dello Stretto, che riuscirà a salvarsi.