Napoli | Le parole di Insigne e Gattuso nel post partita

Al termine della partita contro il Torino, il capitano del Napoli Lorenzo Insigne e l’allenatore azzurro Gennaro Gattuso hanno commentato il pareggio per 1-1.

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli. Getty Images
Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli. Getty Images

Allo stadio Diego Armando Maradona, termina 1-1 tra Napoli e Torino. Una partita tirata fino all’ultimo, con la rete di Lorenzo Insigne che al 92′ riesce a pareggiare la rete del napoletano granata Armando Izzo. Al termine del match, è stato proprio il capitano azzurro ha commentare la prestazione ai microfoni di Sky Sport: “Non sto pensando al gol fatto, dispiace per i due punti persi. Dovevamo fare tutti di più, penso che siano più due punti persi che guadagnati. Dobbiamo dare tutti un po’ di più. Io in primis e poi tutti gli altri”.

LEGGI ANCHE -> Napoli-Torino 1-1 | Cronaca | Tabellino | Classifica | Highlights
LEGGI ANCHE -> Juve-Napoli | Dopo sentenza | Dichiarazioni al vetriolo

Insigne è poi tornato sulla decisione di andare in ritiro: “Come ho detto anche due giorni fa, non è stato un ritiro punitivo per la sconfitta con la Lazio. Questi giorni in più insieme ci aiutano a capire dove migliorare. Ora stacchiamo un po’ in questi giorni per tornare poi dopo la sosta più cattivi”.

Napoli-Torino | Le parole di Gattuso

Ai microfoni di Sky Sport, anche l’allenatore dei partenopei Gennaro Gattuso ha commentato la partita: “Non è mancato nulla. Siamo arrivati stanchi e con tanti calciatori stanchi. Abbiamo tante e fisicamente siamo scarichi. Ci teniamo stretto questo punto, si poteva fare qualcosa in più ma bisogna capire in che condizioni siamo arrivati. Devo sempre inventarmi qualcosa perché mancano giocatori importanti. Quando giochiamo ogni tre giorni ci sta non essere in perfetta forma, ora recuperiamo energie e andiamo avanti”.

Il tecnico del Napoli ha poi parlato del suo problema all’occhio: “Bisogna avere gambe e muscoli pronti. Sono 10-12 giorni che non sono me stesso. Voglio fare un appello ai ragazzi che hanno paura quando vedono qualcosa di strano è di non avere paura, i ragazzi hanno sofferto le mie condizioni. Come sto? Ho una malattia immune, questa è la terza voglia che mi è presa. L’occhio andrà al suo posto e sarò più bello il più presto possibile. Starò bene”.