Dovizioso si sfoga | “In Ducati mai valorizzato abbastanza”

Il pilota di Forlì si scaglia contro la scuderia di Borgo Panigale. Poi Dovizioso parla del rapporto con i suoi rivali: “Non capisco i problemi di Lorenzo con me. Rossi? Non mi sono mai sentito oscurato. E Stoner era più forte di lui…”.

dovizioso meteoweek
Dovizioso si toglie i sassolini dalle scarpe – meteoweek.com (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Andrea Dovizioso torna a parlare e lo fa senza peli sulla lingua. Il pilota nativo di Forlì si prepara a vivere la sua prima stagione da disoccupato, visto che non è stato rinnovato il suo accordo con la Ducati. Un lungo periodo di collaborazione in cui il Dovi e la scuderia di Borgo Panigale hanno sia sognato che litigato. Fino alla separazione che si è consumata non senza polemiche. Difficile dimenticare la vittoria in Austria – l’unica del 2020 – ottenuta da Dovizioso proprio nei giorni successivi all’annuncio della fine di questa lunga e travagliata storia.

Il pilota romagnolo ha rilasciato una lunga intervista per Dazn, in cui ha espresso non poche perplessità sul rapporto con Ducati. Ma la sua frustrazione riguarda la considerazione generale che il mondo delle due ruote ha avuto di lui: “Non credo di essere stato valorizzato nel modo giusto nella mia carriera, ma questo non mi rende frustrato“. E poi ci sono le annate in Ducati, in cui il sogno di diventare campione del mondo sembrava poter diventare realtà. “Nelle stagioni in Ducati le cose sono andate meglio – ha detto – , anche se certe critiche non le ho capite. Se non ho vinto un Mondiale è solo colpa di un mostro come Marquez…“.

La rabbia di Dovizioso, dopo una prima sfuriata generale, si concentra poi sul periodo a Borgo Panigale. Secondo Andrea, infatti, la sua tattica molto silenzioso e dedita al lavoro non è stata premiata abbastanza. Soprattutto da parte del team: “Non sono stato valorizzato fin quando non sono arrivati gli anni buoni in Ducati. Per il mio modo di affrontare il campionato ho sempre fatto punti in silenzio. E, se si guarda la mia carriera, sono quasi sempre arrivato in top5. Sono sempre stato davanti, ma se non esplodi la maggior parte dei giornalisti non ti vede e non ti esalta. In Ducati il mio lavoro è stato notato maggiormente“.

Dovizioso e Lorenzo, mai stati amici – meteoweek.com (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Leggi anche -> Valentino Rossi all’ultimo ballo | “Devo lavorare su me stesso”

Poi Dovizioso ha parlato del rapporto con alcuni colleghi. In primis Jorge Lorenzo, con il quale ha condiviso una stagione travagliata in Ducati: “Non capisco che problema abbia verso di me: continua ad attaccarmi nelle interviste, anche se negli ultimi due anni era dietro di me: dall’alto dei suoi titoli potrebbe anche evitare…“. E poi c’è Casey Stoner, uno dei piloti più forti con cui Andrea ha condiviso un box. E le parole del forlivese per l’australiano sono zuccherine: “È il pilota più talentuoso che abbia mai visto. Più di Valentino: lui ha talento e metodo ma Casey è un’altra storia“.

Leggi anche -> Hamilton e le conseguenze del Covid | “Ho perso 6 chili in due mesi”

E poi c’è proprio il rapporto con ValentinoRossi. Una personalità particolarmente ingombrante nel paddock, ma al cospetto del quale Dovizioso non si è mai sentito messo in disparte. Anche perchè, come dice l’ex ducatista, una figura del genere può essere solo ringraziata per aver dato lustro e visibilità al movimento motociclistico in Italia: “Non credo di essere stato all’ombra di un campione del genere: lui ha fatto del bene a tutti, italiani, spagnoli, e gli altri… Con Valentino Rossi in pista, la popolarità del nostro sport è cresciuta enormemente – conclude il Dovi – , anche tra chi di moto non capisce molto“.