Categorie
Altri Sport

Nuoto | Magnini: “È un nuovo inizio. A Tokyo sarà dura” | Ma il Covid lo ferma

Filippo Magnini è tornato in vasca dopo l’annullamento della squalifica per doping di quattro anni. Il nuotatore ha conquistato il pass per i Giochi Olimpici di Tokyo 2021 nel corso degli Assoluti di Riccione. Nei prossimi giorni, tuttavia, dovrà rimanere ai box poiché positivo al Covid-19.

magnini
Filippo Magnini è tornato in vasca (Photo by CHRISTOPHE SIMON/AFP via Getty Images)

Filippo Magnini è tornato in vasca dopo l’annullamento della squalifica per doping. Il 27 febbraio 2020, grazie alla sentenza del TAS di Losanna comminata dal Tna italiano, per il nuotatore è giunto al termine un incubo durato tre anni. Nel 2017, infatti, il pesarese era stato messo sotto accusa poiché aveva frequentato il nutrizionista Guido Porcellini, a sua volta squalificato. In virtù di tale rapporto l’Agenzia mondiale antidoping riteneva che il trentottenne avesse tentato di utilizzare tali sostanze. Questo era stato sufficiente per condannarlo.

L’addio, tuttavia, è stato soltanto momentaneo. La “liberazione” in sede giudiziaria e non solo ha infatti spinto Filippo Magnini a tornare in acqua. Il pesarese lo ha fatto in occasione degli Assoluti invernali di Riccione, in cui è riuscito a staccare il pass per i Giochi Olimpici di Tokyo 2021. In quella sede avrà l’opportunità di mettersi nuovamente alla prova insieme ad altri big del nuoto provenienti da tutto il mondo. Non vede l’ora. Al momento, tuttavia, dovrà restare lontano dalle vasche poiché risultato positivo al Covid-19 insieme alla compagna Giorgia Palmas.

LEGGI ANCHE -> Nuoto, Elena Di Liddo positiva al Covid | Anche Benedetta Pilato in quarantena

Magnini e il sogno Tokyo 2021

Filippo Magnini si trova a cavallo tra passato e futuro: l’incubo della squalifica è ormai un ricordo, ma il sogno Tokyo 2021 non lo abbandona. “Questo non è un ritorno, ma un nuovo inizio. Sto facendo un percorso diverso e ho una maturità differente”, ha detto in un’intervista a OA Sport. “Sono contento per i risultati degli Assoluti. È il secondo 100 stile libero dopo tre anni e non è male. Alle Olimpiadi 2016 avevo chiuso con 49″4, quindi ripartire da questo tempo (49″9) va bene. Devo riabituarmi alla tensione della gara, però è bello vedere che sto incrementando il lavoro. Ci avviciniamo all’obiettivo“.

Dall’addio ad oggi, tuttavia, il mondo del nuoto è cambiato. Se ne è accorto in prima persona. “Sono cresciuto con Vismara, Cristina Chiuso, ho fatto tante generazioni (Rosolino, Boggiatto, Brembilla, Fioravanti), poi la mia. Ora mi trovo in un mondo di giovani arrembanti, di grande talento (Ceccon, Pilato, Martinenghi, ndr). Provo un po’ di invidia perché mi ricorda quando io avevo 20 anni e non hai paura di niente. Sto costruendo qualcosa di importante. Miressi sarà l’imbattibile, Ceccon sarà sicuramente uno che è già nella staffetta poi… Io punto a un quarto posto e mezzoE’ una sfida quasi impossibile e anche per questo l’ho accettata”, ha proseguito.

La sua sfida, tuttavia, non sarà soltanto con i diretti contendenti, bensì anche con se stesso. “Il mio obiettivo è quello di dare un segnale indipendentemente da tutto. Mi hanno voluto fuori per tre anni e io, per carattere mio, non potevo assecondare questo tentativo. Quindi anche se avessi avuto 50 anni sarei tornato. Tanti proveranno a piegarti, ma nessuno ti spezzerà, è quello in cui io credo”, ha concluso Magnini.

LEGGI ANCHE -> Federica Pellegrini senza mezzi termini | “Non vedo mie eredi”

La positività al Covid-19

A fermare Filippo Magnini, soltanto per il momento, è stato però il Covid-19. Il nuotatore e la compagna Giorgia Palmas sono infatti risultati positivi al tampone. Una brutta notizia, ma nessuno dei due fortunatamente manifesta i sintomi.

Ho usato ogni precauzione per evitare il contagio ma non è bastato. Ora la preoccupazione più grande è per la mia famiglia spero di non aver contagiato nessuno. Mi sono messo subito in isolamento. Ho deciso di renderlo pubblico per far sì che tutte le persone che sono state in contatto con me prendano i giusti accorgimenti. Questo Natale sarà strano. Il solo pensiero di non poter tenere in braccio mia figlia per almeno i prossimi 10 giorni mi angoscia. Non è concesso mollare. Adesso inizia il mio percorso verso il superamento di un altro ostacolo”, ha scritto Magnini su Instagram.