Empoli | Dionisi soddisfatto | “Atteggiamento straordinario”

Un Dionisi raggiante quello che arriva ai microfoni nel dopo gara. Nonostante una breve flessione a inizio ripresa, la squadra ha comunque mostrato grande impegno ed abnegazione, vincendo con pieno merito contro il Brescia. Un atteggiamento straordinario che il tecnico vuole sottolineare con forza.

Dionisi "Atteggiamento straordinario"
Mister Dionisi molto contento della prestazione (by Getty Images)

Un Empoli di gran gamba si impone al Rigamonti con un perentorio 3-1. La formazione di Dionisi non ha solo dominato per quasi tutti i novanta minuti, ma ha offerto una brillante prova difensiva concedendo veramente poco ai lombardi, che hanno trovato la via del gol solo su penalty (realizzato dal solitoTorregrossa). Il mister dei toscani ha parlato così a fine gara:

Sapevamo di affrontare una squadra forte. Ne siamo usciti da squadra e siamo stati premiati. Dispiace aver preso quel rigore, eravamo in controllo e poteva metterci in difficoltà. Ecco, questo è l’unico appunto che mi sento di muovere ai miei ragazzi.

La squadra ha avuto grande attenzione. Giocavamo a Brescia, la partita era difficile, sono molto contento. Non è ancora finita e non abbiamo fatto ancora niente.

L’approccio alla gara pare migliorato?Abbiamo fatto un buon primo tempo come con Chievo e Reggiana, alle volte succede che per merito degli avversari non riesci a fare ciò che vuoi. Oggi siamo stati anche efficaci”.

Il tecnico guarda avanti: “La prossima partita è difficile, la più importante. Devo fare un plauso ai ragazzi, ben vengano i complimenti ma pensiamo all’Ascoli. Da domani la testa è rivolta alla prossima gara. Sono contento per i ragazzi, bisogna continuare a parlare di loro anche quando i risultati non sono all’altezza delle aspettative. Non dimentichiamoci da dove siamo partiti, quelli eravamo e ora dobbiamo fare ancora. La B la conosciamo, non ci sono partite scontate. I risultati di questo turno lo dimostrano. La classifica non conta, che ne parlino gli altri. Mettiamo qualità e consapevolezza, poi è solo Empoli contro Ascoli, non gioca la classifica. I risultati di questo turno lo dimostrano: conta quello che si mette in partita“.