Morbidelli senza rimpianti | “Non è facile gestire così tanti bravi piloti”

Franco Morbidelli afferma di non sentirsi l’ultima ruota del carro in casa giapponese. Tra Rossi, Viñales e Quartararo lui è stato il migliore in classifica mondiale, nonostante avesse un mezzo meno performante rispetto agli altri tre.

morbidelli meteoweek
Franco è giunto secondo nel mondiale – meteoweek.com (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Il 2020 è stato, per quanto riguarda i motori, anche l’anno di Franco Morbidelli. Il pilota italiano, forse un po’ a sorpresa considerando diversi aspetti, è stato il migliore tra i nostri connazionali nella classifica del Mondiale MotoGP. Solo JoanMir, eletto in maniera meritata campione del mondo, ha fatto meglio di lui al termine di una stagione travagliata per tutti, a causa della diffusione del Covid-19. Ma con questo importantissimo risultato, ottenuto dopo tre vittorie e nel complesso cinque podi, gli ha consentito di diventare anche il migliore in casa Yamaha. Il tutto nonostante la sua moto fosse la meno performante tra le quattro messe in pista dalla casa giapponese.

Era abbastanza inevitabile che la casa delle tre diapason favorisse le sue tre punte di diamante. In primis Valentino Rossi e Maverick Viñales, gli esponenti del team ufficiale della Yamaha. Ma anche Fabio Quartararo, che dopo un finale di stagione scintillante un anno fa era l’uomo di punta del Team Petronas. In ogni caso Morbidelli ha fatto una grande stagione, della quale ha parlato in una conferenza in diretta streaming con alcuni giornalisti del settore. E dalle sue parole emerge comunque gratitudine per il modo in cui la Yamaha lo ha affiancato durante il Mondiale.

È sicuramente un anno che ricorderò – ha dichiarato Franco – , in cui ho imparato molto e dove ho capito che il duro lavoro paga sempre”. Come si legge su Motorsport.com, Morbidelli ha fatto capire che non si è mai sentito una ruota di scorta, in un team che ha sempre dato tutto per i suoi quattro alfieri. “Non mi sono sentito sottovalutato. In Yamaha ci sono tre piloti forti e scegliere a chi affidare la moto è molto difficile. Forse ha avuto la valutazione più bassa tra tutti e quattro, potremmo dire così”.

Franco spinge la sua Yamaha – meteoweek.com (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Leggi anche -> Valentino Rossi all’ultimo ballo | “Devo lavorare su me stesso”

E dire che, al termine del Gran Premio di Portogallo che lo ha visto concludere al terzo posto un mese fa, Franco Morbidelli aveva parlato così: “Voglio complimentarmi con la squadra e voglio ringraziare anche la Yamaha che mi ha fornito un buon pacchetto. Tuttavia non posso nascondere che quest’anno mi sentivo forse come la quarta scelta”. Ma nel complesso, visto anche il secondo posto tra i piloti, il suo giudizio sulla stagione è estremamente positivo: “All’inizio dell’anno siamo riusciti a sfruttare al massimo quello che avevamo e siamo stati molto competitivi. Abbiamo fatto un ottimo lavoro”.

Leggi anche -> Dovizioso si sfoga | “In Ducati mai valorizzato abbastanza”

Un 2020 che è stato portatore sano di grandi soddisfazioni per Franco. Il quale si augura che in Yamaha abbiano preso nota: “Spero che questo campionato faccia crescere il mio rating e la mia considerazione nel giudizio della Yamaha, ma non mi sono sentito sottovalutato. In realtà in Yamaha c’è una grande rivalità tra piloti di grande livello”. Anche perchè l’azzurro si trova in un plotoncino di ottimi centauri: “Tutti i piloti della Yamaha sono super, super forti. Valentino ha una grande esperienza ed è bravissimo a guidare ed a trovare il giusto set-up, mentre Fabio è super-veloce – conclude Franco – così come Maverick”.