Categorie
Serie B

Cosenza | La sfida salvezza con il Pescara, i dubbi di Roberto Occhiuzzi

Il Cosenza di Roberto Occhiuzzi è atteso dalla sfida in casa del Pescara. Il match dello stadio “Adriatico” è un mix di sensazioni tra la voglia di vincere e quella di non sbagliare. 

Roberto Occhiuzzi
Roberto Occhiuzzi a bordocampo (foto credit Cosenza Calcio)

I rossoblù chiuderanno l’anno 2020 in trasferta dopo il doppio pareggio rimediato contro Venezia e Pisa. Il cammino casalingo dei calabresi è nettamente in deficit, soprattutto se paragonato a quello in trasferta. Dei 14 punti totali conquistati, il Cosenza ne ha ottenuti 9 fuori dalle mura amiche e 5 in casa.

Occhiuzzi e la sfida tra Pescara e Cosenza

Non c’è il tempo di elaborare una prestazione molto convincente che già la squadra allenata da Roberto Occhiuzzi è chiamata alla prossima gara. Anche questa volta i punti in palio sono fondamentali per chiudere al meglio il 2020. Nel frattempo il difensore Raffaele Schiavi è tornato a svolgere degli allenamenti differenziati. Scatta intanto il pericolo diffida per Angelo Corsi che ha rimediato la quarta ammonizione ed è quindi a rischio squalifica per la prossima sfida casalinga contro l’Empoli.

I dubbi

Sarà sicuramente 3-4-1-2 in casa Cosenza, ma con qualche dubbio in avanti. Le prestazioni degli attaccanti non sono delle migliori, conseguenza anche di un reparto che stenta a segnare gol importanti ai fini della classifica. La situazione non fa felice il club calabrese con la proprietà intenzionata a intervenire con urgenza in avanti durante la prossima sessione di calciomercato. Tornando comunque al match, invece, Jaime Baez Mirko Carretta dovrebbero partire dal primo minuto con Mohamed Bahlouli come trequartista, ma non sono escluse novità dell’ultimo minuto.

A centrocampo ai lati Angelo Corsi e uno tra Luca Bittante e Brayan Vera, con Davide Petrucci e Daniele Sciaudone al centro. Più scelte in difesa: l’unica certezza dovrebbe essere quella di Matteo Legittimo: rientro dal primo minuto anche per Andrea Tiritiello. Alla fine giocherà per il terzo posto nella retroguardia uno tra Gianmarco Ingrosso e Riccardo Idda.