Benevento | Inzaghi: “Anno incredibile e irripetibile. Non ci montiamo la testa”

Filippo Inzaghi ha raccontato il 2020 del suo Benevento. Un anno negativo dal punto di vista umano, ma positivo per quanto riguarda la stagione calcistica dei giallorossi.

Il tecnico del Benevento ha parlato coi giornalisti dopo la vittoria sull’Udinese (Foto Getty Images)

Il Benevento è una delle sorprese di questa Serie A. Un decimo posto in classifica che significa tanto, considerando anche come andò il primo anno del club nella massima competizione italiana. Ottime prestazioni che confermano quanto di buono fatto vedere nell’anno di B, quando i sanniti hanno dominato il campionato. A parlare di questo 2020, in un’intervista a Sky Sport, è stato l’allenatore giallorosso Filippo Inzaghi: “È stato un irripetibile. Penso sia stato un anno incredibile, a livello umano da scordare sotto tutti i punti di vista, sul campo è stato indimenticabile ma ci è mancata la nostra gente”.

Leggi anche: Udinese-Benevento 0-2 | Tabellino e pagelle | Highlights | Classifica
Leggi anche: Benevento, Inzaghi: “Orgoglioso della squadra, ma non guardo la classifica”

Il tecnico del Benevento ha poi proseguito: “Fare 8 record in Serie B è qualcosa di grande e poi sono felice per il presidente e il direttore sportivo che avevano creduto in me e nel mio staff. Ci sono squadre come Torino e Fiorentina che non c’entrano niente con la classifica che hanno e non lotteranno per la salvezza. Se ci montassimo la testa faremmo un grande errore ma conoscendo i miei giocatori sono sicuro che non correremo questo rischio“.

Benevento | Inzaghi parla della lotta scudetto

Inzaghi si è poi soffermato sulla lotta scudetto: “Quando perdi giocatori come Ibrahimovic e Kjaer, e nella scorsa partita avevi fuori Bennacer e Kessie, vuol dire che c’è sostanza, quindi il Milan fa bene a crederci. Penso che Conte con l’Inter possa essere il favorito, senza la coppa. Ma ci sono sempre la Juventus, il Napoli e la Roma che sono squadre forti. Sarà una bella lotta. Pirlo ha una bella gatta da pelare, allenare la Juve è una grande soddisfazione, lotti per lo Scudetto e giochi la Champions. Gattuso lavora in una grandissima piazza, ha una squadra molto forte e mi auguro che stia meglio dopo il problema all’occhio”.