Covid, allarme contagi: la Premier League rischia uno stop di due settimane

Record di positivi al Covid-19, a gennaio la Premier League potrebbe fermarsi per due settimane: alcuni presidenti si sarebbero confrontati per valutare il blocco dell’attività. La lega precisa che al momento non sono previste interruzioni.

Record di casi di Covid-19 in Premier League, c’è il rischio stop (Foto Getty Images)

Martedì 29 dicembre nel Regno Unito s’è registrato il record da contagi da coronavirus, 53.135: 414 i decessi. Una situazione difficile, di cui inevitabilmente risente anche la Premier League: l’ultimo giro di tamponi ha evidenziato 18 positivi, non erano mai stati così tanti. Si rischia uno stop di due settimane a gennaio, la lega ha dovuto diramare un comunicato per precisare che al momento non sono previste interruzioni.


Leggi anche:

Premier League: Rashford fa volare il Manchester United, Lacazette rilancia l’Arsenal

Premier League, focolaio di coronavirus nel Manchester City: rinviata la sfida con l’Everton


Secondo il Daily Telegraph, tuttavia, alcuni presidenti si sarebbero confrontati per valutare un blocco dell’attività: la situazione è pesante. Dopo il rinvio di Everton-Manchester City per un focolaio nei Citizens, rischia di saltare anche Tottenham-Fulham per un focolaio tra i Cottagers: il match è in programma mercoledì 30 dicembre. Positivo anche Gabriel (Arsenal), casi nel Southampton (infettato un membro della famiglia del tecnico Hasenhttl) e nello Sheffield Udt.

Problemi anche nelle serie inferiori: nove i match rinviati nell’ultimo turno, quasi 50 nell’ultimo mese, soprattutto in terza serie, la League One. Nei ragionamenti su un possibile stop sarebbe coinvolta anche la FA Cup.

Leggi anche:

Mourinho chiama Sergio Ramos al Tottenham. Il punto sul calciomercato inglese