Cessioni Milan| Conti può partire| Due squadre su di lui

C’eravamo tanto amati. L’arrivo al Milan di Andrea Conti era sembrato il matrimonio del secolo. Le aspettative su di lui però sono state oramai disattese da tempo. Per Pioli, può partire.

Sembra sempre più lontano da Milano il futuro di Andrea Conti. Il terzino del Milan oramai è ai margini del progetto rossonero e Pioli avrebbe dato il suo benestare per un possibile trasferimento dell’ex Atalanta.

Il suo procuratore, Mario Giuffredi, ha lasciato un’intervista a Milannews, dicendo: “Andrea l’anno scorso ha dimostrato di essere un giocatore da Milan, arrivava da mille problemi. Provare a trovare continuità da un’altra parte quando lui ha dimostrato di essere un giocatore da Milan mi darebbe fastidio. Però se rimane lì e continua così fino a giugno vuol dire che abbiamo fatto un buco nell’acqua”.

Leggi anche——> Lovato, ecco l’offerta del Milan: Duarte più 5 milioni

Il futuro di Conti

Andrea Conti potrebbe presto allontanarsi da Milano. La sua esperienza con la maglia del Milan non è stata delle più positive, visto che è stato costretto a fermarsi per una serie di infortuni che lo hanno tenuto lontano dai campi di calcio. 112 minuti in Europa League e nemmeno uno in campionato.

Troppo poco per un calciatore su cui c’erano tantissime aspettative. Purtroppo per lui la sua permanenza in panchina è sempre più frequente a causa del super rendimento di Calabria. Oramai il posto da titolare sulla fascia è suo.

Per questo motivo il Milan sarebbe disposto a farlo partire e già il Genoa di Ballardini e la Fiorentina di Prandelli avrebbero chiesto informazioni. Il Diavolo vuole 9 milioni di euro per lasciarlo andare, dopo averne spesi 24 nell’estate del 2017 per portarlo in rossonero.

L’opzione più papabile è quella del prestito di sei mesi con opzione di riscatto. Ma se Conti dimostrerà sul campo di poter lottare per il ruolo di terzino destro, il Milan potrebbe anche pensare di riscattarlo a giugno. Nel frattempo la decisione di permettergli di giocare con più continuità e dargli minuti nelle gambe, sembra essere l’unica scelta fattibile.