Sassuolo, De Zerbi: “Vendicheremo le precedenti sconfitte con l’Atalanta”

Il tecnico del Sassuolo De Zerbi ha presentato in conferenza stampa la partita con l’Atlanta. L’incontro si giocherà sabato 3 gennaio alle ore 15:00 presso il Gewiss Stadium di Bergamo. L’allenatore neroverde ha chiesto ai suoi di portare in campo la rabbia di tutte le sconfitte subite contro questa squadra.

Sassuolo, l'allenatore Roberto De Zerbi in conferenza stampa, 2 gennaio 2020 (foto © U.S. Sassuolo Calcio)
Sassuolo, l’allenatore Roberto De Zerbi in conferenza stampa, 2 gennaio 2020 (foto © U.S. Sassuolo Calcio)

L’allenatore del Sassuolo Roberto De Zerbi ha presentato la partita con l’Atalanta del 3 gennaio in conferenza stampa. La gara decreterà quale fra le due squadre rimarrà nella parte alta della classifica che dà accesso alle gare europee. Prima dell’incontro, i neroverdi si trovano al quarto posto con 26 punti, quattro in più della squadra di Bergamo, che occupa invece il settimo posto.

Atalanta-Sassuolo, De Zerbi: “Vogliamo fare ancora meglio di così”

De Zerbi analizza la situazione: “Dobbiamo cercare di puntare sempre a qualcosa in più. L’anno scorso abbiamo chiuso il campionato ottavi. Quest’anno vorremmo fare qualcosa in più, vogliamo chiudere almeno al settimo posto. Di sicuro non ci devono essere rimpianti, dobbiamo continuare a dare il massimo. Sia chiaro che il nostro quarto posto è meritato: il campo non mentemai“.

Il Sassuolo che affronterà l’Atalanta, secondo De Zerbi, avrà nuove energie. Il tecnico spiega:“Abbiamo avuto tanti giocatori fuori in questi ultimi incontri: Caputo, Djuricic, Defrel, Boga, Magnanelli. C’è spazio per fare ancora meglio. Non vale ricordare solo i precedenti risultati fra Atalanta e Sassuolo: i nerazzurri, negli ultimi tempi, hanno fatto del male a tante squadre. Basti guardare i risultati che hanno ottenuto in Champions League“.


Leggi anche:


Poi De Zerbi continua: “Se prendiamo il pullman per andare a Bergamo, ci andremo per fare la differenza. L’Atalanta è una squadra completa: per il presidente, l’allenatore, i giocatori e anche la storia. Hanno un seguito grandissimo, non sono più una squadra provinciale. l’Atalanta è forte come l’Inter, il Napoli, la Juve o la Roma. Mi dispiace, più di altre volte, che non ci sia il pubblico. Sarebbe uno stimolo a fare il risultato“.

L’allenatore racconta con quale spirito ha chiesto ai suoi di scendere in campo il 3 gennaio: “Prima del Genoa avevo detto che mi sarebbe piaciuto portarmi la rabbia del gol di Leao. Così è stato, e abbiamo fatto un gol dopo un minuto e trenta. Contro l’Atlanta, vorrei che si portasse in campo la rabbia di tutte le sconfitte subite in passato contro questa squadra”.

De Zerbi: “Ecco le mie aspettative dal calciomercato”

Il tecnico lascia intendere che vorrebbe vedere da parte della società degli investimenti, adesso che i neroverdi stanno andando così bene in campionato. L’allenatore spiega: “Sul mercato varranno due concetti: se siamo tutti a posto, e se per il campionato che stia venendo fuori possiamo fare qualcosa in più. Non credo che capiterà tante altre volte di rivedere a fine dell’anno il Sassuolo che occupa il quarto posto in classifica“.
Per leggere i contenuti della conferenza stampa dell’allenatore Gasperini dell’Atalanta, clicca qui.