Nainggolan si toglie un sassolino dalla scarpa | “Conte mi ha ferito”

A pochi giorni dal suo ritorno a Cagliari, Radja Nainggolan si è tolto un sassolino dalla scarpa e ha criticato Conte in un’intervista: “Mai un minuto di ritardo, mi ha ferito”. Il belga ha parlato anche di Covid, della Roma e di Zaniolo.

Radja Nainggolan è passato in prestito dall’Inter al Cagliari

L’Inter è il passato, il Cagliari il presente. Ma Radja Nainggolan, scaricato dalla società nerazzurra dopo un’esperienza non troppo fortunata, è sicuro di aver fatto del suo meglio per fornire un contributo importante alla squadra allenata da Antonio Conte.

Da qualche giorno, il 32enne centrocampista belga ha tornato in Sardegna per dimostrare di essere un giocatore tutt’altro che bollito. Ecco le sue parole contenute in un’intervista rilasciata al “Corriere dello Sport” in attesa del suo debutto in campionato con la maglia rossoblù.

Di Francesco ha bisogno di lui: il Cagliari non vince da più di un mese.

“Conte mi ha ferito”

Nemmeno un ritardo agli allenamenti e tanta panchina. Nainggolan fa i complimenti ad Antonio Conte ma poi lo critica apertamente.

“Conte è un grandissimo tecnico. Ma sono rimasto ferito quando dopo avermi concesso solo otto minuti di partita mi ha indicato come un responsabile di tutto. Che potevo fare in otto minuti? Ma non ho aperto polemiche allora, non lo faccio nemmeno adesso. È andata così. Io sono integro, sano. Non ho mancato un allenamento, non ho fatto un minuto di ritardo”.

Il ritorno al Cagliari

“Se Di Francesco mi chiama, io ci sono. ​Non sono preoccupato del fatto che non gioco da tanto, pensa è vero il contrario. Io nella vita sono uno che si diverte solo se gioca. Se sono tornato è perché mi ha voluto lui. Ha un progetto, è ambizioso, vuole vincere. E io condivido questo sogno. Sono tornato nella città dove vivono le mie figlie, questa è stata una molla per me. Uno dei motivi più belli per cui lo faccio”, ha aggiunto Nainggolan.

LEGGI ANCHE ->Nainggolan-Cagliari | Arriva l’ufficialità | Tutti i dettagli

LEGGI ANCHE ->Cagliari | Conferenza Di Francesco: “Col Napoli tante assenze. Nainggolan ci dà tanto”

“Il Covid ha ucciso il calcio”

Nel 2020 le società sportive hanno dovuto affrontare diverse peripezie, legate soprattutto alla mancanza di introiti causati dal coronavirus. Nainggolan parte dalla sua esperienza personale per raccontare il Covid vissuto dal mondo del calcio.

“Quest’anno in campo stiamo difendendo molto più che un risultato: stiamo difendendo il campionato dal virus. Perché il Covid prima ha ucciso il calcio, poi le vite di tutti noi, e alla fine ha ucciso il mondo. ​Non sono pessimista, sono solo lucido. Io ho avuto il Covid, e sono stato fortunato. Non ho avuto una linea di febbre, ma sono preoccupato . Sono preoccupato per gli effetti della crisi. Per tutti quelli che hanno avuto il lavoro e le attività distrutte. E poi ovviamente per gli altri, per gli anziani, per i più deboli, per chi si ammala e con questo virus rischia la vita. Spero che li vaccinino subito, per primi”.

“Io uomo-spogliatoio”

Dopo l’esplosione a Cagliari, Nainggolan è passato alla Roma. Nella capitale, con la maglia giallorossa, ha vissuto stagioni indimenticabili.

“Rimpiango la Roma. È una città in cui ho passato quattro anni e mezzo importanti. I tifosi a Roma ​non si dimenticano di me. Vuol dire che qualcosa di importante in questa città l’ho lasciato. Eravamo entrati in una fase finale della Champions, ma abbiamo festeggiato e siamo stati festeggiati, a Roma, come se avessimo visto uno scudetto. Poi l’anno dopo quella squadra è stata smantellata. Ecco, questo è uno dei miei rimpianti. A Roma avevano una squadra forte. Dicono che io creavo problemi. Invece, come sa chiunque abbia giocato con me, io ero e rimango un uomo-spogliatoio”.

Zaniolo

Il belga recita il “mea colpa” sul celebre video di Capodanno che ha generato una montagna di critiche.

“Vedo che sta subendo quello che ho subito io. Lo hanno messo nel mirino. Io ci sono passato e l’ho pagata. Voglio dirlo chiaramente: ho sbagliato io, non dovevo bere, non dovevo comportarmi così. Ma chi è che non fa un errore, nella vita? Mi rivedo in Zaniolo perché anche io sono attaccato, trollato sui social. È facile essere messi in mezzo. L’unico modo è ignorare, fregarsene. Io non faccio il maestro di vita che dà consigli. Ma l’unico modo che ha per rispondere è il campo. Per il resto deve farsi forza e andare avanti. A chi lo attacca risponderà con le prime partite che gioca”.

La Juve

Infine, Nainggolan spiega perché non è mai approdato alla Vecchia Signora.

“​Gli juventini mi attaccano perché mi dicono che non ho vinto nulla. Una sciocchezza assoluta. Io ho scelto di non andare con chi vinceva. So che potrebbero dire che alla Juventus non mi hanno voluto, ma basta che chiedano ai loro dirigenti, ai loro direttori sportivi. ​La Juventus è stata la squadra più forte per un decennio e io a vincere con i più forti non mi diverto”.

Tanta panchina per Radja Nainggolan in maglia nerazzurra