Categorie
Serie A Sport

Parma, summit Krause-Liverani: c’è l’esonero per l’allenatore?

Il presidente Krause ed il direttore dell’Analytics del Parma hanno assistito alla partita contro l’Atalanta dagli spalti del Gewiss Stadium di Bergamo: al termine dell’incontro si è svolto un summit fra la dirigenza gialloblù e l’allenatore Liverani, che a questo punto potrebbe essere esonerato.

Parma, da sinistra: Oliver Krause, Direttore Analisi Dati e Kyle Krause, presidente della squadra. 6 gennaio 2021 (foto di Emilio Andreoli/Getty Images)
Parma, da sinistra: Oliver Krause, Direttore Analisi Dati e Kyle Krause, Presidente della squadra. 6 gennaio 2021 (foto di Emilio Andreoli/Getty Images)

La partita Atalanta-Parma è andata nel peggiore dei modi per il tecnico Fabio Liverani. Ai sei giocatori infortunati se ne sono aggiunti altri due ed i gialloblù ne sono usciti con una sconfitta secca 3-0. Il portiere avversario non è mai stato impegnato, ed il Parma, completamente spuntato in difesa, non si è mai reso pericoloso in un’occasione durante tutti i 90 minuti di gioco.

Parma, esonero Liverani: ecco le due opzioni sul tavolo

Hanno assistito alla partita dagli spalti il presidente Kyle Krause ed il figlio Oliver Krause, che è anche direttore dell’analisi dati. Come rivela la redazione di Sky Sport, subito dopo Atalanta-Parma è previsto un summit fra la dirigenza gialloblù ed il tecnico liverani: non è escluso che ci possa essere l’esonero immediato per l’allenatore. Il Parma, infatti, non riesce a trovare una vittoria dal 30 novembre e ha inanellato 3 pareggi e quattro sconfitte consecutive.


Leggi anche:


La dirigenza del Parma sarebbe compatta riguardo all’esonero di Liverani: mentre padre e figlio Krause preferirebbero arruolare un profilo internazionale, il resto dello staff caldeggerebbe per il ritorno di D’Aversa. Liverani avrebbe commentato così la situazione in conferenza stampa al termine di Atalanta-Parma: “Sono sereno, conosco i meccanismi del calcio. A questa squadra serve esperienza e continuità, spero la società faccia le scelte giuste“.