Categorie
Serie B

Cittadella | Venturato verso la Reggiana: “Contento di tornare in campo”

Il tecnico dei veneti tornerà in panchina dopo il periodo di isolamento. Venturato si aspetta di vedere una bella squadra a Reggio Emilia, contro un avversario complicato da affrontare.

venturato
Roberto Venturato torna in campo – meteoweek.com (Photo by Getty Images)

Il Cittadella sta vivendo un momento senza dubbio positivo dal punto di vista dei risultati sul campo. La compagine veneta, infatti, nonostante il ko di quattro giorni fa contro un Entella rigenerato dalla cura Vivarini continua a navigare nelle parti alte della classifica. Gli amaranto saranno anche protagonisti della sfida di domani contro la Reggiana, valida come recupero della quinta giornata. Come allora, però, anche in questo caso il Covid-19 ci ha messo lo zampino, considerando la situazione tutt’altro che agevole sul piano sanitario.

Roberto Venturato, infatti, è reduce da un periodo di isolamento dopo essere risultato positivo al tampone. In ogni caso, il tecnico del Cittadella è guarito, come ha rivelato in conferenza stampa. Ma ci sono anche altri giocatori in via di recupero: “Sto bene e fortunatamente il tampone di stamattina è negativo – si legge su Trivenetogoal – . Per quanto riguarda i calciatori si sono negativizzati Cassandro, Mastrantonio, Maniero, Benedetti, Frare e Ghiringhelli. Rimangono positivi Bassano, Gorini e Marchetti. Cissé e Cassandro sono negativi ma attendono l’idoneità per poter essere convocati“.

Con la sconfitta di Chiavari, il Cittadella ha posto fine a una striscia positiva di cinque giornate. In ogni caso mister Venturato vuole mettersi subito alle spalle questa partita negativa, soprattutto sul piano del risultato: “Quando si perde dispiace molto. Mi spiace in modo particolare perché considero che la prestazione sia stata positiva nella capacità di stare in campo, anche se non abbiamo concretizzato il volume di gioco e poi abbiamo preso gol per una mezza ingenuità. Ma io voglio che si guardi il bicchiere mezzo pieno e le sensazioni“.

Venturato, testa alla Reggiana

Il Citta andrà a fare visita alla Reggiana, squadra invischiata nella lotta per la salvezza. Si gioca a Reggio Emilia, su un campo complicato. Ma Venturato vuole vedere la prestazione: “Noi dobbiamo pensare alla classifica ma prima ancora alla partita. Occorre pensare alla prestazione e al cercare il risultato, che conta per noi come per loro. Sarà una partita difficile contro una squadra che gioca e che ha idee, che ha elementi anche bravi“. E nonostante l’assenza del tecnico in campo, si è visto un buon Cittadella: “Nelle tre partite senza di me ho visto la capacità da parte del gruppo e dello staff straordinaria e i risultati sono venuti. Si è vista la coesione del gruppo e la professionalità dei giocatori e di chi lavora con me“.

Leggi anche -> Reggiana | Alvini verso il Cittadella: “Non dobbiamo ingigantire i problemi”

Venturato è dunque soddisfatto del modo in cui il Cittadella sta crescendo e sta portando avanti una stagione fin qui incoraggiante. Un altro aspetto importante del cammino della compagine veneta è rappresentata dalle situazioni di palla inattiva. Un aspetto tattico sempre più iconico del rendimento stagionale: “I numeri dicono che siamo una delle squadre più pericolose sui calci piazzati, è una soluzione che va usata e bisogna avere la capacità di interpretare al meglio, specie in partite come quella di lunedì, contro un’Entella che è chiusa molto. Ma serve trovare i tempi gusti per entrare“.

Leggi anche -> Benevento | ds Foggia: “Risultati frutto di sacrifici. Mercato? Ecco cosa faremo”

Forse, però, la cosa più importante per Venturato è la possibilità di tornare a fare la vita di sempre. Sia in campo che fuori, il tecnico del Cittadella sta tornando ad assaporare la normalità dopo qualche giorno difficile: “Ho cercato di rimanere sereno, fortunatamente a parte un giorno e mezzo di febbre il 17 e 18 dicembre e un po’ di tosse non ho avuto cose gravi che mi abbiano fatto preoccupare. Speravo di fare prima a negativizzarmi, ma per tornare a fare una vita “normale” ammesso che si possa di definire normale quanto facciamo. Soprattutto durante le feste di Natale, sono contento di poter uscire“.