Discesa a libera a St.Anton | Parlano Goggia, Bassino e Brignone

La prima prova veloce del 2021 vede tutte le azzurre come candidate a un ruolo di protagonista. Le dichiarazioni di Goggia, Bassino, Brignone, Elena Curtoni e Marsaglia.

goggia
Sofia Goggia in volo – meteoweek.com (Photo by Getty Images)

Il circo bianco dello sci alpino al femminile torna in gara per la prima volta dopo l’inizio del nuovo anno. Si va a St.Anton per una discesa libera in programma domani mattina. E la pattuglia azzurra schiera tutte le sue punte di diamante, per portare a casa punti importanti sia per la classifica della Coppa del Mondo di specialità, che per quella generale. Sofia Goggia è in testa alla graduatoria della coppetta, insieme alla svizzera Corinne Suter. Ma al suo fianco ci saranno anche Marta Bassino e la detentrice della coppa generale Federica Brignone.

Schierate ai nastri di partenza della discesa di domani anche Elena Curtoni e Francesca Marsaglia. Tutte loro hanno rilasciato delle dichiarazioni, riportate sul sito ufficiale della Fisi. Andiamole a leggere nel dettaglio.

Goggia suona la carica

Sofia Goggia – “Nella prima prova ho fatto un po’ fatica ad entrare in sintonia con la pista, ho lasciato troppi spazi. Stavolta ho cercato di metterci più intensità ed energia, con qualche imprecisione fra una porta e l’altra ma credo di avere il quadro della situazione abbastanza completo, finalizzerò la strategia al video con gli allenatori. A differenza delle discese in Val d’Isère, dove c’era un po’ di tutto, qui invece il tracciato somiglia ad un supergigante, con tante curve da collegare una dopo l’altta, e la media è abbastanza bassa, mentre in Francia si andava molto più veloce ed anche il tempo conclusivo era di una ventina di secondi più alto. Però un bravo sciatore deve essere bravo a disctricari con ogni condizioni di neve e su ogni tipo di tracciato che si affronta, ben vengano queste gare dove bisogna stare attenti a ciascun dettaglio“.

Marta Bassino – “Ci siamo preparate molto bene a Santa Caterina Valfurva dopo Capodanno, alla fine le gare veloci sono un’ottima occasione per fare allenamento, sfruttando al meglio anche i giorni di prova. Non mi aspettavo questo crono, credevo di avere fatto linee lunghe e le cose al contrario rispetto a quanto avevo programmato. Evidentemente essere troppo precisi su questa neve facile non paga più di tanto, cercheremo di capire meglio al video. Ci sono tante curve, è una bella pista, molto tecnica, mano a mano si velocizzerà e bisognerà tenerne conto. Io punto a fare bene sia in discesa che in supergigante“.

Leggi anche -> Sofia Goggia trionfa in Val d’Isere! | Non succedeva da quasi due anni

Marta Bassino – meteoweek.com (Photo by Getty Images)

Federica Brignone – “Mi sono sentita bene fino a metà, poi sono andata lunga in una tripla e ho perduto velocità per il muro e sono arrivata lenta alla compressione. E anche nell’ultima parte non ero sopra ai piedi, ho cominciato a fare piccole frenatine. È la mia prima volta qui, nel 2013 ero infortunata, ma sono contenta di conoscere nuove piste, non vedo l’ora di essere al via domani. Devo modificare la mia parte finale perchè oggi l’ho affrontata veramente male. A Santa Caterina ho rimesso gli sci lunghi dopo la caduta di Val d’Isère e ne avevo bisogno, ho fatto un bel lavoro in gigante“.

Leggi anche -> Annullato il gigante di Semmering | Bassino era in seconda posizione

Parlano Curtoni e Marsaglia

Elena Curtoni – “La pista è molto bella, tutta da spingere, parte finale curve molto belle da spingere, oggi ho saltato una porta, ho provato anche a riprenderla ma era impossibile, non ci sono grandissimi trabocchetti, non rimane che attaccare a tutta“.

Francesca Marsaglia – “Avevo bisogno di mettermi alla prova per capire veramente a che punto sono, quindi ho spinto dall’inizio alla fine e mi ritengo soddisfatta. La gara è sempre un’altra cosa, ma ho tanta voglia di portare in pista tutto quello che di buono facciamo in allenamento“.