Lazio | Report allenamento | Le ultime da Formello

Allenamento del venerdì in casa Lazio in vista della trasferta al “Tardini” di Parma il 10 gennaio. Buone notizie ma anche qualche assenza preoccupante per Mister Inzaghi. Scopri le ultime da Formello.

Simone Inzaghi (Marco Rosi – SS Lazio_Getty Images)

Allenamento d’antivigilia in quel di Formello per la Lazio. Dopo la vittoria contro la Fiorentina mister Inzaghi vuole continuare a scalare la classifica e agganciare la zona Europa. Domenica c’è la trasferta di Parma. Le ultime dal campo di allenamento.

LEGGI ANCHE ->Lazio | Calciomercato | Idea Zinchenko per la fascia

LEGGI ANCHE ->Lazio | Niente Genoa per Vavro | Mercato in stand-by

La situazione

Allenamento mattutino per la Lazio, un ampia fase tattica agli ordini di mister Inzaghi. L’allenatore può sorridere per il rientro di Lulic, oggi tutto in gruppo, una buona notizia. Correa e Fares lavorano sul campo in modo differenziato, anche con il pallone, provano il recupero per il derby di venerdì prossimo. Inzaghi gestisce la rosa durante la seduta dell’antivigilia, l’allenamento è part-time per i calciatori più affaticati. Acerbi, Hoedt, Luis Alberto e Immobile partecipano al possesso palla, poi rientrano negli spogliatoi. Patric e Luiz Felipe si staccano dai compagni ed effettuano degli allunghi individuali. Non solo buone notizie per Inzaghi, non si vedono infatti Lazzari (botta alla schiena) e Marusic, la speranza è che anche nel loro caso siano rimasti semplicemente a riposo un giorno in più, nell’ultimo periodo hanno giocato e rigiocato in assenza degli altri esterni. La rifinitura di domani, in programma nel pomeriggio, chiarirà chi sarà a disposizione per la trasferta di Parma. Le prove tattiche scatteranno a 24 ore dalla gara. In seguito la partenza verso l’Emilia Romagna. Certo il ritorno tra i titolari di Lucas Leiva, dopo lo stop contro la Fiorentina l’argentino è pronto a riprendersi le chiavi della regia biancoceleste.

LEGGI ANCHE ->Calciomercato Napoli | Gli azzurri piazzano il colpo Zaccagni: le cifre