Genoa | Rovella si racconta | Pregi, difetti, modelli e la Juve…ma non subito

Nicolò Rovella, 19 anni, è l’ultimo prodotto del florido vivaio del Genoa. Il centrocampista si racconta in una lunga intervista a tutto campo.

Genoa Rovella
Il centrocampista del Genoa, Nicolò Rovella, 19 anni (Getty Images)

Dal Genoa alla Juventus, come Sturaro prima e Mandragora poi. Nicolò Rovella è il nuovo gioiello della cantera del Grifone che sforna centrocampisti uno dopo l’altro. Il suo futuro sarà bianconero, l’operazione di mercato è già chiusa, resterà a Genova almeno per i prossimi sei mesi, magari un anno e mezzo, e poi inizierà l’avventura a Torino. “Personalità, idee e aggressività” è lui stesso a descrivere i suoi pregi e indicare il modello: “Modric, perché quando tocca il pallone sembra sempre che possa accadere qualcosa”.

LEGGI ANCHE: Genoa | è il giorno di Rovella alla Juve | Preziosi sceglie la contropartita

Qualità e quantità con una visione di gioco che i suoi allenatori hanno sempre definito sopra la media. Mediano o mezzala poco importa, Rovella è sempre al centro del gioco e non ha paura di sbagliare. Proprio per questo in pochi mesi è passato dalla Primavera alla prima squadra. Prima di tutto però l’Alcione, squadra lombarda da cui, da cui è partita l’avventura calcistica: “Ho fatto dei provini con l’Inter ma prendevano tempo, poi è arrivato il Genoa. Mi vennero a vedere Bega e Sbravati, mi invitarono a Voltri per un test e mi dissero subito che ero perfetto”.

San Siro nel destino di Rovella

Quel giorno con lui c’erano mamma, papà e nonno Nicolò, genovese di nascita. La spinta decisiva arriva dai maschi della famiglia: “hanno il calcio nel sangue – racconta Rovella a Sportweek – mi portavano a San Siro, ma devo dire che i miei genitori hanno lasciato a me la scelta”. E visto che al destino piace spesso giocare un po’, l’esordio in A è arrivato proprio alla Scala dal Calcio: “Thiago Motta mi provava in allenamento tra i titolari e allora ho chiamato mio padre e gli ho detto: “sai che secondo me…” e lui ha comprato i biglietti per tutti. Prima del quarto d’ora del secondo tempo il mister mi ha chiamato “vai a scaldarti” mi alzo e vedo lo stadio pieno: che emozione!”

Nicolò Rovella è il centoquarantottesimo giocatore diventato professionista dopo aver fatto le giovanili nel Genoa: “Qui fin da piccolo creano gruppi compatti e poi ti insegnano l’attaccamento alla maglia. Il rosso e il blu sono un simbolo da proteggere”. In mezzo al campo il talentino sa fare un po’ tutto ma ammette: “quando ero piccolo facevo anche il trequartista, oggi preferisco fare la mezzala perché ho più libertà di spingermi in attacco”.ù

Pregi, difetti e futuro…lontano dal Genoa

I pregi li abbiamo già elencati e Rovella non ha dubbi anche sui suoi difetti: “perdo le staffe facilmente in campo, sono troppo irruento e commette errori, spero sia solo un problema di età. Poi devo irrobustirmi, ma non credo che possa essere definito un difetto”.

Il calcio è sempre stato il suo destino: “Non ha mai pensato di fare altro se non il calciatore”. Il sogno è diventato realtà e oggi Rovella ha altri desideri da far avverare: “prima di tutto voglio trovare continuità con il Genoa, con la possibilità di giocare tanto e di sbagliare anche”. Sbagliare per diventare più forte e magari raggiungere i migliori: “Modric, Thiago Alcantara e Barella” dice il baby Grifone che poi non ha dubbi sul suo futuro: “meglio rimanere al Genoa ancora una stagione, devo migliorare”.

Testa sul collo, futuro già scritto, prima il Genoa e poi la Juventus, senza gavetta perché “secondo me – conclude Rovella ancora a Sportweek– è meglio sbagliare in Serie A piuttosto che andare in prestito a farsi le ossa nelle categorie minori, perché se correggi gli errori in A poi non fallisci dappertutto. Un consiglio agli allenatori: abbiate il coraggio di farci sbagliare”.