Tina Cipollari, spuntano le foto della sorella: sono identiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34

La storica opinionista di Uomini e Donne, Tina Cipollari è uno dei personaggi più controversi della tv. Tina da anni divide il pubblico italiano, da una parte infatti c’è chi la osanna, la adora ed acclama e dall’altra chi addirittura la accusa di essere un cattivo esempio.

 

Il carattere decisamente fumantino della Cipollari l’ha aiutata a raggiungere il successo di cui oggi gode e ha fatto si che non diventasse noiosa agli occhi dei suoi fans. Che piaccia o no, non si può negare che Tina è dotata di uno spiccato senso dell’umorismo e che sia una donna profondamente intelligente, capace di sfoderare il sarcasmo più sottile al momento opportuno.

Protagonista assoluta del “trono Over” targato Maria De Fillippi, Tina è sempre sulla cresta dell’onda, complici le sue  simpaticissime “baruffe” con la dama Gemma Galgani, sua acerrima nemica, ma solo sul piccolo schermo.

Chi è la sorella di Tina Cipollari

La Cipollari è un’artista decisamente sopra le righe, discussa, tanto amata quanto odiata, ma comunque conosciutissima. Tina è una madre esemplare, ha tre figli, Mattias, Francesco e Gianluca, avuti dall’ormai ex marito  Chicco Nalli, in arte Kikò.

Pur essendo una donna molto schietta, la Cipollari è molto riservata circa gli affari di famiglia. Infatti non tutti sanno che ha una sorella che le somiglia tantissimo. Il suo nome è Annarita Cipollari. Non si conosce molto della vita privata di Annarita, ma pare che  il rapporto con la vamp, non sia affatto sereno. Le due sorelle hanno infatti discusso pubblicamente. Qualche anno fa è stata la stessa opinionista a parlare del legame con la donna attraverso una lettera:

“Annarita, che delusione. Sei voluta entrare nelle discussioni tra me e mio marito Kikò. Tu, mia sorella, sua complice. E hai anche la faccia tosta di dirmi che non merito un uomo bello e giovane come lui e che avrei dovuto essere più dolce e ringraziarlo per quanto aveva fatto. Guarda che ha questo punto potrei anche pensare male… piantala. Me ne hai fatte di tutti i colori e questa rivalità con me è durata fino al periodo dell’adolescenza, quando con la maturità mi hai accettato. Poi, per fortuna, i rapporti sono migliorati. O meglio, pensavo che fossero migliorati”.