Coronavirus: settima vittima, morto 80enne a Milano

E’ morto all’ospedale Sacco di Milano un ottantenne di Castiglione d’Adda risultato positivo al Coronavirus.

Il padiglione degli Infettivi, ospedale Sacco di Milano

Giovedì scorso era stato portato dal 118 all’ospedale di Lodi per un infarto, stesso giorno in cui era arrivato il 38enne che è stato il primo paziente risultato positivo al virus.
L’ottantenne è stato ricoverato in rianimazione e poi, risultato positivo al virus, trasferito al Sacco di Milano dove è deceduto.

L’uomo era di Castiglione d’Adda era stato portato dal 118 all’ospedale di Lodi nello stesso giorno in cui era arrivato il 38enne che è stato il primo paziente risultato positivo al virus. L’ottantenne è stato ricoverato in rianimazione e poi, risultato positivo al virus, trasferito al Sacco di Milano dove è deceduto.

Leggi anche -> Coronavirus, spunta il furto di mascherine | L’episodio di Como

Il Commissario per l’emergenza Angelo Borrelli nella conferenza stampa giornaliera dedicata all’emergenza epidemia, aveva parlato di 219 casi complessivi accertati di coronavirus in Italia, comprendendo le vittime e il ricercatore rientrato da Wuhan che è guarito e che è stato dimesso dallo Spallanzani nei giorni scorsi. Mancavano però la sesta e la settima vittima.

Al momento, dunque, si registrano 169 contagiati in Lombardia (comprese le vittime), 18 in Emilia Romagna, 4 in Piemonte e 3 nel Lazio (la coppia di cinesi allo Spallanzani e il ricercatore dimesso). Dei 213 positivi, 99 sono ricoverati con sintomi in ospedale, 23 sono in terapia intensiva e 91 in isolamento domiciliare. In Veneto i casi sono saliti a 32, contro i 27 di stamane: 4 casi a Mirano e 4 casi a Venezia.