Stasera in tv | 23 aprile | Southpaw – L’ultima sfida, la risalita del campione

Giovedì 23 aprile alle ore 21.20 su Rai 4 andrà in onda il film drammatico Southpaw – L’ultima sfida con Jake Gyllenhaal.

Il 23 aprile alle ore 21.20 su Rai 4 andrà in onda il film drammatico Southpaw – L’ultima sfida diretto da Antoine Fuqua
con Jake Gyllenhaal, Rachel McAdams, Naomie Harris, Forest Whitaker, Rita Ora, 50 Cent, Beau Knapp, Victor Ortiz, Miguel Gómez, John Cenatiempo e David Whalen.

Southpaw – L’ultima sfida | la trama del film

L’avvincente storia di Billy “The Great” Hope (Jake Gyllenhaal), campione mondiale in carica dei pesi massimi leggeri. Siamo Detroit ai giorni nostri. Billy Hope è un “Southpaw”, un pugile mancino, dallo stile aggressivo e brutale.

Sembra avere tutto: all’apice della sua carriera, ha una moglie bella e amorevole che adora, Maureen (Rachel McAdams), un’adorabile piccola figlia (Oona Laurence) e uno stile di vita invidiabile. Ma una tragedia è in agguato. L’incontro con il suo rivale Miguel “Magic” Canto cambierà la sua vita per sempre. Durante una violenta rissa Maureen viene uccisa accidentalmente.

Da quel momento l’esistenza di Billy è sconvolta: la sua carriera è finita, la figlia è affidata ai servizi sociali e quando anche il suo storico amico e manager lo abbandona, Hope tocca il fondo. Per risalire la china, deve rivolgersi a un improbabile alleato in una palestra locale: Tick Willis (Forest Whitaker), un ex pugile diventato l’allenatore dei migliori boxeur dilettanti della città.

Con l’aiuto di Tick, Bill affronterà la battaglia più dura della sua vita, combattendo per redimersi e riconquistare la fiducia delle persone che ama. Giorno dopo giorno inizia la dura risalita.

Southpaw – L’ultima sfida | il trailer del film

Leggi anche: Guida tv | Tutti i programmi tv del 23 Aprile 2020

Southpaw – L’ultima sfida | alcune curiosità sul film

Inizialmente, venne considerato come il sequel del film 8 Mile, con il rapper Eminem, convinto a intraprendere la carriera di pugile. Il progetto non solo non andò in porto, ma nel caos generale, la DreamWorks riscì ad acquistare i diritti televisivi per pochi milioni di dollari, stanziando successivamente un budget di 25 milioni di dollari per completare il film.

Perché vederlo: Jake Gyllenhaal è impressionante dal punto di vista fisico ed emotivo. Cattura completamente l’attenzione dello spettatore ed è in grado di farlo entrare in empatia con tutti i dolori provati nella sua carriera di pugile.