L’affondo di Bechis: “Boschi nuova leader delle bimbe di Conte”

Dopo la mancata sfiducia a Bonafede, il giornalista Franco Bechis attacca duramente Maria Elena Boschi. “E’ la nuova leader delle bimbe di Conte”

boschi 500 euro bonus
Maria Elena Boschi (Italia Viva)

Come è andata a finire sulle mozioni di sfiducia contro Alfonso Bonafede? Il ribaltone politico non c’è stato e tutto si è risolto con governo e ministro in salvo. “Ampiamente previsto – spiega Libero – Guardasigilli salvato da Matteo Renzi, can che abbaia ma non morde. In aula al Senato il fu rottamatore ha spiegato, de facto, di comprendere e condividere i presupposti delle due mozioni di sfiducia, ma di non votarle per “ragioni politiche”. Il resto è storia”.

Un tweet tagliente, apparso qualche ora fa a firma Franco Bechis, accende la polemica. Il giornalista dà una sua interpretazione. “Morale della mattinata – cinguetta il direttore del Tempo subito dopo l’intervento di Renzi -: dopo essere stata ieri due ore a Palazzo Chigi, Maria Elena Boschi è la nuova leader delle bimbe di Conte, ossia delle fan del premier”. Insomma, Bechis avanza quello che è ben più di un sospetto – secondo Libero. “Al termine del lungo incontro di ieri, qualcosa Boschi e Italia Viva hanno ottenuto. Ma cosa?”.

Cosa è successo in aula

“Voteremo contro le mozioni di sfiducia, ma riconosciamo al centrodestra e a Emma Bonino di aver posto dei temi veri”. Sono le parole con cui Matteo Renzi ha annunciato l’intenzione di Italia Viva di votare contro la sfiducia nei confronti del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Matteo Renzi
Matteo Renzi, leader di Italia Viva

L’ex presidente del Consiglio aveva annunciato che il suo intervento sarebbe stato il più complicato di tutta la sua esperienza politica. Il voto di Italia Viva, si sapeva, sarebbe potuto essere determinante, considerato che il partito avrebbe avuto i numeri per determinare la sfiducia al Guardasigilli. La conseguenza sarebbe stata la probabile caduta dal governo e l’apertura di una crisi irreversibile in piena emergenza coronavirus. Accanto all’intenzione di votare contro la mozione, Renzi però ha lanciato un monito a Bonafede: “Amministri la giustizia, non il giustizialismo e ci avrà al suo fianco”. Da qui sarebbe partito il dolce ultimatum, con conseguente critica senza staccare la spina.

Leggi anche –> Coronavirus, in Sudafrica si prevedono 1 milione di contagi e 40.000 morti

Leggi anche –> “Il virus già circolava a Parma”, neonato positivo il 26 febbraio scorso

Secondo diversi organi di stampa tra cui Repubblica, però, Italia Viva pretenderebbe dopo questo passaggio una maggiore importanza a livello istituzionale. Forte dei numeri che, in Parlamento, rendono il partito una vera e propria ‘stampella’ per il governo, Renzi avrebbe chiesto garanzie. I sondaggi non decollano, ma soprattutto al Senato una eventuale fuoriuscita di Iv rappresenterebbe la fine del Governo. Ecco perchè Renzi sarebbe intenzionato a chiedere un peso differente nelle decisioni.