Coronavirus, allarme a Vicenza: scatta l’isolamento di massa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:33

Nel Vicentino è scattato un massiccio piano di isolamento fiduciario. Si pensa ad un nuovo focolaio Covid. Il governatore del Veneto: “Si sta provvedendo a fare la contabilità dei positivi”.

Allarme coronavirus a Vicenza

Due nuove positività al Covid-19 sono state segnalate ieri nel Vicentino dall’ultimo bollettino coronavirus. Fino a pochi giorni fa, i numeri sembravano in linea con il trend dell’ultimo periodo. Tuttavia, ad oggi è invece presente un nuovo focolaio in provincia di Vicenza che avrebbe portato ad un isolamento fiduciario massiccio e comprendente tutte le persone entrate in contatto con i positivi al virus. Uno fra i primi ad essere informato del nuovo focolaio di Covid a Vicenza, dal Dipartimento di Prevenzione, è stato il governatore del Veneto, Luca Zaia che ha dichiarato: “Sto seguendo nei minimi dettaglia la questione. Si sta provvedendo a fare la contabilità dei positivi, per fortuna pochi, e ad un massiccio piano di isolamento fiduciario di tutte le persone venute a contatto con i positivi”.

Secondo quanto si apprende dalla stampa locale, il focolaio si sarebbe diffuso dopo quattro casi di positività al Covid presenti in un’azienda di Pojana Maggiore. Un imprenditore, dopo un viaggio di affari in Bosnia, sarebbe infatti tornato nel Basso Vicentino infetto da coronavirus. In macchina con lui anche due amici. Il giornale di Vicenza ha calcolato almeno una trentina di persone in isolamento. Invece, come spiegato dagli impiegati sanitari sarà molto importante tracciare tutti i casi sospetti e i contatti intercorsi in questi giorni al fine di contrastare un ulteriore diffusione del virus.

Il bollettino redatto da Azienda Zero e aggiornato alle ore 17:00 di oggi, 2 luglio 2020, segnala un solo nuovo caso di coronavirus in Veneto (19.310 totali di cui 390 attualmente positivi) e precisamente nel Veneziano. Per cui il focolaio di Vicenza rimane circoscritto alle quattro positività segnalate nella giornata di ieri, mercoledì 1 luglio 2020. Le persone in isolamento, invece, salgono da 52 a 63 e quindi 11 in più. Nuovi aggiornamenti saranno diffusi domani nel corso della conferenza stampa già prevista alle 12.30 nella sede della Protezione Civile, presso Marghera. Serviranno i risultati dei tamponi per fare il punto della situazione, prevedere gli sviluppi di eventuali contagi e comprendere l’esatta contabilità degli isolamenti.