Home Cronaca Operaio di 42 anni muore dissanguato per una ferita al collo

Operaio di 42 anni muore dissanguato per una ferita al collo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:12
CONDIVIDI

Un operaio di 42 anni che lavorava in una cava nel Bolognese è morto dissanguato dopo essersi tagliato con una smerigliatrice

incidente - ambulanza

Gli incidenti sul lavoro sembrano non finire mai. Un operaio di 42 anni è morto nel pomeriggio di ieri mentre lavorava alla cava di sabbia. Il suo nome era Antonio Grilli ed era originario di Foggia, ma da anni residente a Castel Maggiore, nel Bolognese.

Secondo prime ricostruzioni da parte dei carabinieri, il 42enne si è tagliato al collo con una smerigliatrice mentre effettuava dei lavori e la ferita gli avrebbe provocato la morte per dissanguamento.

Il fatto sarebbe avvenuto intorno alle ore 17 alla quasi chiusura della cava, dove opera la cooperativa Concave. A trovare l’uomo è stato un collega dentro il bagno di una struttura che si trova all’interno della cava. Sicuramente l’operaio era andato lì per cercare di tamponare la ferita. Il taglio che aveva era però troppo profondo ed è morto. Il collega ha chiamato subito i soccorsi, il 118 e i carabinieri che hanno potuto ricostruire l’accaduto. Il caso è trattato in via amministrativa.

Altro incidente sul lavoro in via Zanardi

Sempre nello stesso luogo il giorno prima, è avvenuto un incidente nel quale è rimasto ferito gravemente un uomo e un altro  è morto. E’ successo all’incirca alle 10 quando un camion dei rifiuti di Hera si è schiantato sotto il ponte. La vittima era Paolo Musolesi, un uomo di 44 anni morto sul colpo, l’altro invece era un collega di 52 anni, Andrea Bartolomei sbalzato fuori dal camion e investito da un altro mezzo.

L’incidente è avvenuto precisamente al civico 313 quando il braccio meccanico della gru del camion ha toccato il cavalcavia, ha fatto leva e ha spinto verso l’alto la cabina di guida, schiacciandola.

In soccorso del ferito che è stato portato al Maggiore e per mettere in sicurezza il mezzo, sono intervenuti i Vigili del fuoco. Per poter effettuare le operazioni, via Zanardi è rimasta chiusa e attualmente la Procura ha disposto il sequestro del veicolo.