Aggrediti con calci e sputi da rom accampati vicino al loro terreno agricolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06

Aggrediti con calci e sputi da rom accampati vicino al loro terreno agricolo. L’episodio è avvenuto lo scorso mercoledì 30 settembre

Aggrediti con calci e sputi da rom accampati vicino al loro terreno agricolo

Un gruppo di rom li ha aggrediti con calci, pugni e sputi nei campi confinanti con il loro terreno agricolo. Le vittime sono due agricoltori di Cadoneghe (Padova). Il brutto episodio si è verificato mercoledì scorso, 30 settembre, e ha visto protagonisti Alessandro Ridolfi e Giorgio Chillon, proprietari di un lotto di terra ciascuno, confinante con un campo rom.

Leggi anche:—>Bambino morto a Napoli: “Anche altri coetanei conoscevano l’uomo incappucciato”

Leggi anche:—>Tridico ancora nella bufera: raddoppio dello stipendio per i vertici di Inps e Inail

I due hanno chiesto ripetutamente ai rom di smettere di defecare, urinare nonché gettare carta igienica, assorbenti e pannolini nei loro terreni, in cui coltivano erba medica per foraggio. Hanno inoltre chiesto loro di non parcheggiare le loro macchine sui campi vicini al raccolto.

Ma i rom li hanno aggrediti con calci, pugni, sputi, insulti.
Mentre stavamo tornando verso casa siamo stati aggrediti. Ho detto di non parcheggiare la macchina sul mio campo. In un primo momento uno scambio di parole e a un certo punto uno di loro mi ha sputato addosso. Ho risposto con uno sputo anch’io e sono stato scaraventato a terra e hanno iniziato a darmi calci e altri sputi“, ha raccontato Chillon.