I farmaci utilizzati per curare Trump: ci sono anche anticorpi sperimentali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:24

Farmaci e cure specifiche per il presidente americano Trump. Dopo la positività al covid, gli è stato somministrato prima il Regeneron (cocktail di anticorpi sperimentale), poi il Remdesivir. Ancora riserbo sulle sue condizioni

Tweet Donald Trump dall'ospedale
Il presidente americano Trump interessato da una cura specifica di farmaci dopo la positività al Covid – meteoweek.com

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, contagiato dal Covid-19 e ricoverato con la febbre al Walter Reed National Medical Center di Washington ha ricevuto le prime cure rese pubbliche. Finora nel suo trattamento figura una singola dose di 8 grammi di un cocktail anticorpale sperimentale prodotto in laboratorio, il Regeneron (REGN-COV2), della Pharmaceuticals Inc. Secondo i risultati di uno studio pubblicato appena qualche giorno fa il farmaco può aiutare a trattare i pazienti affetti da coronavirus in genere al di fuori dell’ospedale riducendo i livelli della carica virale e i sintomi del virus.

Il medico personale del presidente Trump, il dottor Sean P. Conley, ha specificato in una lettera che l’infusione “si è conclusa senza incidenti” e che al presidente, oltre al Regeneron sono stati somministrati zinco, vitamina D, famotidine (il farmaco generico per il bruciore di stomaco), melatonina e un’aspirina al giorno.

I due farmaci sono tra loro compatibili e sono stati somministrati con la sequenza corretta, precisa Filippo Drago, professore ordinario di Farmacologia e direttore dell’Unità operativa di Farmacologia clinica al Policlinico di Catania. “Il primo farmaco, il cocktail di anticorpi REGN-COV2 agisce attaccando il virus mentre è in circolo ed è indicato in una fase precoce mentre il Remdesivir impedisce al virus di penetrare nelle cellule e di replicarsi.

Gli studi promettenti sul Reneneron, possibile arma contro il Covid

Regeneron (REGN-COV2), prodotto di biotecnologie, è uno dei candidati più promettenti per curare Covid-19 insieme ad un altro trattamento con anticorpi sviluppato da Eli Lilly. Nello studio clinico in fase 1 su 275 pazienti contagiati con il Covid-19, coloro che averano ricevuto la terapia sperimentale Regeneron nella fase iniziale dell’infezione avevano livelli di virus più bassi nel sangue rispetto ai pazienti che avevano ricevuto un placebo. I loro sintomi si sono risolti in media da 6 a 8 giorni, rispetto ai 13 giorni di coloro che hanno ricevuto un placebo.

Leggi anche –> Maltempo, il Piemonte chiede lo stato di emergenza: undici i dispersi

Leggi anche –> Il ritrovamento choc sui binari del treno: resti umani sulla linea Trenord

Resta massimo riserbo sulle condizioni di salute del presidente americano, apparso comunque in buona salute in un video su Instagram. Ciò che appare evidente, tuttavia, è la sospensione della campagna elettorale che lo vede impegnato contro il candidato democratico Biden. Nell’entourage del presidente, la positività al covid viene vista come un ostacolo d’immagine e organizzativo nella (nuova) corsa alla Casa Bianca.