Amine, 32 anni, tifoso granata, si è spento a 20 giorni dall’incidente in moto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16

Si è spento Amine Belhaj, il tifoso del granata che ha lottato per 20 giorni dopo un brutto incidente in moto.

Amine, 32 anni, si è spento a 20 giorni dall'incidente in moto

Martedì scorso il tracollo improvviso ha interrotto per sempre i 32 anni compiuti l’8 settembre scorso, di Amine Belhaj. “Con l’augurio di una pronta guarigione, ti aspettiamo presto allo stadio!”: questa la frase di incoraggiamento seguita da tutte le firme dei calciatori dell’A.S. Cittadella, la sua squadra del cuore, su una maglia granata speciale, creata appositamente per lui per dargli ulteriore forza . Una situazione clinica non semplice, ma che stava dando giorno dopo giorno, segnali di forte speranza dopo il gravissimo incidente del 12 settembre scorso a Galliera Veneta. Era sabato sera, la sua moto che viaggiava sulla 53 Postumia verso casa, è entrata in collisione con un’auto condotta da un pensionato, che da una secondaria ha tagliato la Provinciale. Un urto violentissimo e poi un secondo sull’asfalto dopo uno sbalzo di almeno 20 metri. Le primissime cure nel pronto soccorso dell’ospedale di Cittadella. Poi il trasferimento a Camposampiero in terapia intensiva. Vari i traumi subiti nello scontro. Le condizioni avevano permesso il trasferimento nella divisione di medicina. Era Amine per primo a darsi e a dare incoraggiamento. Sarà l’autorità giudiziaria a stabilire che cosa è successo. Questo non permette di fissare ancora la data delle esequie che si svolgeranno comunque nel duomo di Cittadella dove Amine viveva da molti anni e conviveva da sette con la sua fidanzata, Irene Tronco.

Amine, 32 anni, si è spento a 20 giorni dall'incidente in moto


Leggi anche -> Furti in abitazioni con la tecnica del “foglio trasparente”: arrestata banda di ladri

Leggi anche -> Covid, gli scienziati inglesi: “Trasporti pubblici luoghi più sicuri al mondo”

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek


Nato in Tunisia, Amine, viveva in una famiglia come tante, che cerca nella vicina Europa migliori condizioni di vita, con grande voglia di fare e dignità. Amine aveva imparato il lavoro di macellaio ed era dipendente di una gastronomia della zona, molto apprezzato per la competenza e le capacità. Tante persone che lo conoscevano e che in questi 24 giorni non hanno mai smesso di fare il tifo per lui. Tutti increduli che il sorriso, la vera amicizia e la grande cordialità che Amine donava senza voler nulla in cambio, siano ora diventati un ricordo. Amato e benvoluto veramente da tutti. Cittadella e Juventus le sue squadre del cuore, “non aveva un ruolo preciso, era un jolly a lui piaceva giocare”: ricorda la compagna Irene Tronco. Amava moltissimo gli animali, in particolare i cani. Da sei anni aveva Rave, un Amstaff che per Amine “era come una figlia”. Altra passione era quella della moto. “Con tanti sacrifici era riuscito sei mesi fa ad acquistarne una, la prima. Una persona che preferiva dare agli altri togliendo a se stesso, che aveva una buona parola per tutti, sorridente. In ospedale mi diceva, combatterò per la nostra famiglia”: ha aggiunto la sua compagna, Irene.