Difende barista da insulti: aggredito dal branco che lo picchia a sangue

Difende barista da insulti: aggredito dal branco che lo picchia a sangue. Ora sporgerà denuncia per ciò che è successo

Difende barista da insulti: aggredito dal branco che lo picchia a sangue

Ha cercato di difendere una barista cinese da un’aggressione verbale e ha rimediato un occhio nero e punti di sutura Leonardo Stocco, 20enne di Mirano. Nella notte di domenica 18 ottobre, il giovane stava rientrando a casa quando ha visto un gruppo di ragazzi che inveivano contro la donna, barista in un locale del centro città. In un post su Facebook, è lo stesso Leonardoa a raccontare la vicenda:”Stavo tornando con due amici dalla piazza, il bar era già chiuso al pubblico, ma un gruppo di una decina, forse più di giovani era rimasto fuori dal locale, tutti tra l’altro senza mascherina. Uno di loro stava importunando la barista cinese con toni violenti, aggressivi e razzisti, per farsi dare una birra e io mi sono sentito di intervenire facendogli presente quanto fosse irrispettoso e intollerabile il suo comportamento. A quel punto ne è nata una discussione poco dopo mi sono saltati addosso in tre o quattro e mi hanno aggredito”.

Leggi anche:—> Si rifiuta di sposare uno straniero e cercano di ucciderla tramite overdose

Leggi anche:—>Perde il controllo dell’auto, donna si schianta contro un palo della luce

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Il gruppo lo picchia e il giovane tenta di difendersi:”Mi hanno colpito al volto, mi hanno rotto gli occhiali e ho rimediato alcune ferite: uno dei miei amici ha anche cercato di tirarmi via, ma gli ho detto di allontanarsi: sono riuscito a mantenermi lucido e in piedi“. Quando Leonardo minaccia di contattare i carabinieri, il gruppo fugge via. Il ragazzo decide di recarsi dai carabinieri e poi va al pronto soccorso di Mirano, dove gli curano le ferite. Ora denuncerà quanto avvenuto.

In molti hanno elogiato il coraggio del giovane, che è intervenuto nonostante fosse in netta inferiorità numerica rispetto al branco. Leonardo sostiene che lo farebbe ancora:”Certe cose non le tollero e sono abbastanza contento di come mi sono comportato“.

Ora i carabinieri cercheranno di risalire ai responsabili dell’aggressione tramite telecamere di videosorveglianze installate nella piazza. E il giovane Leonardo fa anche un appello:”Nel caso in cui qualcuno avesse visto l’accaduto o notato qualcosa di sospetto, sarei contento di saperlo per avere qualche informazione in più”.