Usa: polizia spara e uccide un afroamericano 21enne, proteste

I poliziotti dello stato di Washington hanno sparato e ucciso un giovane afroamericano di 21 anni, ex giocatore di football, durante un’operazione anti-droga. Lo riferiscono i media americani.

Il fatto è avvenuto giovedì scorso nel comune di Vancouver, ma la dinamica sulla sparatoria è poco chiara. In una conferenza stampa, lo sceriffo della contea di Clark, Chuck Atkins, ha detto che la vittima, Kevin Peterson Jr., padre di una bimba, avrebbe sparato agli agenti che lo inseguivano nel parcheggio di una banca. “I poliziotti hanno risposto al fuoco e il giovane è morto. Sul posto è stata ritrovata anche un’arma”, ha affermato. Ma altri testimoni affermano che il giovane era disarmato. L’uccisione di Peterson ha provocato le proteste di numerosi attivisti del movimento Black Lives Matter, scesi in piazza per manifestare.

La sparatoria a un uomo di afro-americano da parte delle forze dell’ordine nello stato di Washington ha aumentato le tensioni emotive intorno a Portland , in Oregon, dove i manifestanti si sono inferociti contro le istituzioni e contro l’ingiustizia razziale.

Amici e familiari hanno identificato la vittima, Kevin E. Peterson Jr., 21 anni, ex giocatore di football del liceo, già padre di una bambina. La sparatoria è avvenuta a Hazel Dell, una zona priva di personalità giuridica di Vancouver, Washington, a circa 19 km a nord di Portland.

In una dichiarazione, lo sceriffo della contea di Clark Chuck Atkins ha detto, che una task force congiunta città-contea per i narcotici stava conducendo un’indagine poco prima delle 18:00 di giovedì e ha inseguito un uomo nel parcheggio di una banca, dove ha sparato contro di loro. Un’arma è stata recuperata sulla scena, ha detto Atkins. “Posso dire che la nostra agenzia è in lutto così come la famiglia Peterson e la comunità – ha detto Atkins – Mentre la comunità è in lutto, chiedo che ci sia un’osservanza rispettosa e dignitosa della perdita di vite umane in questa materia. C’è sempre molta disinformazione, dubbi e confusione – e ci possono essere coloro che desiderano seminare il dubbio”.