Marco Luccarelli, il sedicenne esce di casa per andare a scuola e scompare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:03

Marco Luccarelli, il sedicenne scomparso qualche giorno fa dopo essere uscito per andare a scuola, è stato ritrovato.

Sono stati giorni difficili e di tensione per chi cercava Marco Luccarelli, il sedicenne scomparso qualche giorno fa dalla casa famiglia in cui abitava. Non era del resto la prima volta, ma era già capitato diverse volte. Poi, una settimana fa, un nuovo allontanamento da un’altra struttura di Arce. Da sette giorni non si avevano sue notizie; da quando il ragazzino sarebbe dovuto andare a scuola. Scuola dove però non è mai arrivato. L’aveva comunque detto, che sarebbe scappato; una fuga premeditata e già preannunciata. Bisognava solo attendere che venisse messa in pratica. “Stare in una casa famiglia è come stare in carcere. Io farò di tutto per non restarci perché io voglio stare con la mia famiglia”, aveva scritto in una lettera indirizzata al padre.

Leggi anche:

Forse quella mancanza della famiglia, di punti di riferimento avevano portato Marco lontano da quella casa famiglia già una volta: il ragazzo era infatti scappato da Napoli lo scorso novembre. Ritrovato un mese dopo a Giuliano di Roma, è stato ritrasferito di nuovo dopo poco tempo in una casa famiglia. Casa famiglia definita da lui un carcere, una prigione, dove non aveva l’aria. E così l’aria l’ha cercata fuori. Dallo scorso 9 novembre di lui non si avevano notizie. I Carabinieri della Compagnia di Pontecorvo e della stazione di Arce avevano subito avviato le ricerche senza mai smettere di cercarlo. Poi, dopo giorni di ricerche, un esito “felice” per il ragazzino, che è stato ritrovato. Si nascondeva a Piedimonte in casa di conoscenti. Eppure, scappare vuol dire non riuscire a rimanere dove si è: forse, Marco soffre. Ed è per questo che, dinanzi alle sofferenze, ogni volta fugge via.