Jonatan, ex calciatore stroncato dal Covid in soli 4 giorni: aveva 40 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50

Jonatan, ex calciatore stroncato dal Covid in soli 4 giorni: aveva 40 anni. Un’intera comunità sotto choc per la notizia inaspettata

Jonatan Callegaro-Meteoweek.com

Aveva solo 40 anni Jonatan Callegaro, ex calciatore di Scardovari (Rovigo). In soli 4 giorni, il virus se l’è portato via lasciando senza parole l’intera comunità dell’estrema Delta. Il sindaco Roberto Pizzoli, ha raccontato:”Mi ha telefonato la madre per dirmi che suo figlio era venuto a mancare. Sono situazioni molto difficili, è già la terza persona che questo virus si porta via nella nostra comunità. Un mese fa è venuta a mancare una signora, mentre la scorsa settimana un altro signore, entrambi ottantenni. Adesso se n’è andato Jonatan, che aveva appena 40 anni. Non importa l’età, conta solamente che senza il Covid nessuno di loro ci avrebbe lasciato“.

Sabato era andato al Pronto soccorso perché aveva la febbre alta e stava poco bene“, prosegue il sindaco nel suo racconto, “È stato portato all’ospedale di Trecenta, dove sembrava che si fosse stabilizzato. Purtroppo la situazione è precipitata mercoledì con una crisi respiratoria che non gli ha lasciato scampo“.

Leggi anche:—>Vaccino Astra Zeneca, dosi costeranno solo 3 euro a confezione

Leggi anche:—>Reddito di cittadinanza beffa: lo percepiva anche killer giudice Livatino

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Jonatan era cresciuto col fratello Matteo dai nonni materni, Nanda e Angelo, poiché i genitori lavoravano a Milano e aveva militato nelle fila dello Scardovari. “Ha giocato nelle giovanili vincendo anche un campionato con Moreno De Bei, un pezzo di storia del calcio del Delta”, spiega Lauro Banin, segretario della squadra. “È stato pure tra i campioni di Prima categoria nel 1999-2000. Anche il fratello Matteo ha giocato con noi prima di andare nelle squadre di Zona Marina, Gorino e Polesine Camerini. Erano entrambi bravi ragazzi, praticamente adottati dalla società. Siamo molto vicini ai familiari per questa morte prematura, specialmente ai nonni che tanto hanno fatto per loro fin da quando erano bambini“.