Categorie
Cronaca

Addio Carla Sacchi, la moglie dell’alpino che le aveva fatto una serenata davanti all’ospedale

È morta Carla Sacchi, l’anziana donna che era ricoverata in ospedale per Covid-19 a cui il suo compagno di una vita le dedicato una serenata sotto la finestra dell’ospedale. Un gesto che commosso il web e non solo.

Addio Carla Sacchi, la moglie dell'alpino che le aveva fatto una serenata

Non ce l’ha fatta Carla Sacchi, la moglie di Stefano Bozzini, alpino di anni 81. Nelle scorse settimane, Stefano aveva dedicato alla sua Carla una serenata con la sua fisarmonica sotto la finestra dell’ospedale di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza. Un gesto romantico, dettato dalle norme anti Covid. Difatti, pur di farsi sentire vicino alla sua compagna, ha voluto regalarne una serenata data l’impossibilità di recarsi nella stanza di Carla a farle visita. Tante le persone commosse nel guardare il video che ha fatto il giro del web. Carla, ricoverata nello scorso novembre per Covid-19, era rientrata a casa ormai da qualche giorno. Ma ieri non ce l’ha fatta.


LEGGI ANCHE:


Addio Carla Sacchi, la moglie dell'alpino che le aveva fatto una serenata


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek


Il post del sindaco su Facebook

Tra gli altri, a commentare il gesto di Stefano anche il sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri, che scrive su Facebook: “In quella serenata abbiamo riconosciuto l’Amore. In quella serenata tutti abbiamo riconosciuto l’Amore, nella semplicità e nell’immediatezza del suo linguaggio universale. Oggi, la malattia ha spezzato il loro abbraccio e vorrei rivolgere a entrambi, nella commozione dell’intera comunità piacentina, un pensiero speciale. Dicendo grazie, al signor Stefano, per quel gesto di tenerezza che ci ha ricordato cosa significhi, davvero, volersi bene. Fare di tutto perché l’altra persona non si senta sola, trovando il modo di superare qualsiasi barriera. Non avere paura di mostrarsi vulnerabili, di manifestare ciò che si prova. Saper toccare il cuore di coloro che amiamo, sino all’ultimo istante”.