Sondaggi, il volo di Giorgia Meloni: Fratelli d’Italia al 16,8%

Gli ultimi sondaggi politici vedono Giorgia Meloni ancora in crescita, seguita dal partito Azione di Carlo Calenda.

Da tempo Fratelli d’Italia ha avanzato nei sondaggi, conquistando a piccoli passi gradimenti sempre più alti. Merito, sicuramente, di Giorgia Meloni che tra gli esponenti di centro-destra sembra essere una valida avversaria alle opposizioni e una valida concorrente nella sua ala governativa. Già a novembre, quando la Lega era il primo partito in Italia – pur registrando un calo di consensi – la Meloni si era confermata la figura più apprezzata nel panorama politico, tanto che i suoi consensi superavano quelli raggiunti dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Leggi anche: Recovery Plan, Calenda: La bozza è vuota, sui giovani c’è mezza pagina

Un trend che sembra in crescita, come confermato dal sondaggio realizzato da Swg per il Tg La7. La Lega di Matteo Salvini, sempre primo partito come negli ultimi sondaggi politici, cede lo 0,4% e scende al 23,9%. Va indietro anche il Partito Democratico, che perde lo 0,3% e arriva al 20,1%. A guadagnare punti, c’è però Fratelli d’Italia che ha registrato un incremento dello 0,4% arrivando al 16,8% e staccando il Movimento 5 Stelle, che pure sale al 14,8%. Scende anche Forza Italia, che perde lo 0,3% e si attesta al 5,9%. Va su anche Azione, il partito guidato da Carlo Calenda, in corsa alle comunali di Roma. La coalizione di Calenda è salita dal 3,4 al 3,8%, passando avanti rispetto a Sinistra Italiana (3,3%) e Italia Viva (3,1%) di Matteo Renzi.

Leggi anche: Cashback, Meloni: Il governo ti dice spendi: poi si stupisce per lo shopping e ti vuole a casa

Cosa quindi potrebbe cambiare se si andasse alle urne? Probabilmente molto. La Meloni, su questo, ha riferito ospite da Bianca Berlinguer a Carta bianca. In caso di una caduta del governo, si potrebbe andare al voto nella prossima primavera: “Perché no? Gli Stati Uniti non hanno votato in piena pandemia? Perché non può farlo l’Italia?”. A rifiutare il voto è invece Matteo Renzi. Ma, dice Meloni, “lo fa perché ha paura di perdere”.