Categorie
Cronaca

Migranti, soccorso un veliero con 26 persone al largo del Salento: si contano donne e bambini

Nelle ore della notte è stato soccorso un veliero con 26 migranti al largo delle coste del Salento. Tutti originari di Iran e Iraq, sarebbero partiti dalla Turchia. Arrestato lo scafista.

26 migranti salento - meteoweek
Salento, tratti in salvo i 26 migranti del veliero partito dalla Turchia

Nuovi approdi questa mattina, in Italia. Un veliero con a bordo 26 migranti, proveniente dalle coste di Iran e Iraq, è stato intercettato nella notte al largo di Santa Maria di Leuca (Bari). Come viene riportato dalle fonti, tra i migranti erano presenti anche quattro donne e sei minori – dei quali due non erano accompagnati. I minorenni accompagnati sarebbero due maschi e due femmine, appartenenti a due nuclei familiari arrivati nella notte tramite il veliero.

Continuano gli sbarchi, 26 i migranti intercettati

Già appena due giorni fa, nella notte fra sabato 19 e domenica 20 dicembre, nelle coste meridionali di punta Pizzo (a Gallipoli) erano sbarcati 73 migranti (tra cui anche 6 minori), provenienti da Iran, Iraq, Siria, Egitto e Afghanistan.

Nelle scorse ore, invece, un veliero con a bordo 26 migranti è stato intercettato nella notte, dalle unità navali della Guardia di Finanza, al largo di Santa Maria di Leuca. Come spiegato dalle fonti, tra le persone a bordo dell’imbarcazione erano presenti anche donne e bambini, di cui due non accompagnati. Nel gruppo sono state contate anche due mamme con le rispettive figlie. Tutti i migranti sono provenienti da Iran e Iraq, ma sarebbero partiti dalla Turchia almeno cinque giorni fa.

Arrestato lo scafista, soccorsi i migranti

Come ricostruito dai racconti delle persone che sono state soccorse dalla Guardia di Finanza, pare che il gruppo di migranti – nonostante sia originario di Iran e Iraq – sia partito alcuni giorni fa dalle coste turche, e che per un paio di giorni abbia navigato nel Mediterraneo con le acque sempre mosse.

LEGGI ANCHE: Alex Zanardi, primi segni di ripresa: “Vede, sente, muove il pollice e cerca la moglie”

Le operazioni di soccorso, messe in atto dalle unità delle Fiamme Gialle, sono state rese difficili dalla fitta nebbia che in quel momento imperversava sulla zona. Ad ogni modo, i migranti sono stati scortati e condotti in porto, per poi essere accolti dai volontari della Croce Rossa intervenuta tempestivamente sul luogo.

LEGGI ANCHE: Strage a Trebaseleghe, uccide i figli a coltellate e si toglie la vita: si indaga tra divorzio e olismo

Le donne e i minori, si apprende, hanno riportato evidenti segni di ipotermia: tuttavia, nel complesso tutti e 26 i migranti sono riusciti ad arrivare in porto in buono stato di salute. Con loro vi era anche un uomo di origine georgiana, identificato dalle autorità come il presunto scafista. L’uomo è stato dunque arrestato dalle forze dell’ordine, mentre i migranti sono stati trasferiti nel Centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello”, in quel di Otranto.