Natale di crisi e risparmio: niente regali per un italiano su tre

Un Natale sobrio, quasi di autentica austerity se non di crisi per gli italiani: un terzo degli italiani non ha fatto né riceverà regali

Natale Roma
Un’immagine del Natale a Roma nei pressi di Trinita dei Monti (Getty Images)

Il Natale 2020 passerà alla storia come quello della sobrietà, quasi dell’austerity per tornare a un termine molto in voga negli anni ’70.

Natale di sobrietà

Molti soldi investiti in meno per i regali ma anche per pranzi e cenoni. Secondo le statistiche della Coldiretti non ci saranno regali sotto l’albero quest’anno per un italiano su tre. Un terzo degli italiani non ha fatto regali né li riceverà.

Si parla di un taglio alle spese del 31. Un danno pesantissimo per tutto il settore alimentare e del commercio. L’indagine commissionata dalla Colidretti e sintetizzata dalla Ixé evidenzia alcune caratteristiche molto particolari di questo periodo storico: pochi soldi da spendere, sobrietà, spese all’insegna dell’essenziale e del necessario. Il budget per i regali lo scorso anno era di circa 220€. Quest’anno è sceso di quasi 50€, e dunque di un quarto.

LEGGI ANCHE > Natale, il dono di Papa Francesco: 4mila tamponi ai senzatetto di Roma

Spese intelligenti

Quasi la metà degli italiani ha ridotto a un terzo il proprio budget per i regali dimezzando quello per pranzi e cene in famiglia. Il 15% degli italiani più abbienti, che lo scorso anno avevano speso fino a quasi mille euro ha ridotto il suo budget a meno di 300€.

In compenso ci sono stati dei segnali incoraggianti per i prodotti enogastronomici di qualità, in particolare quelli a chilometri zero. I cesti di prodotti locali sono stati venduti con un considerevole incremento e con offerte diverse a seconda delle varie richieste: prodotti bio, vegani, green e salutisti.

LEGGI ANCHE > Nonna Giorgia, 100 anni e festeggia Natale guarendo dal virus

Natale Roma
Un’immagine del Natale a Roma nei pressi di Trinita dei Monti (Getty Images)

I cestini con gel e mascherine

Sono andati a ruba anche i “cestini DPCM”: gel, sapone, kit igienizzanti e mascherine – non solo quelle chirurgiche ma anche quelle di tessuto con disegni particolari – anche a tema natalizio. Anche tra i gel e i dispositivi di protezione è nata una linea molto particolare bio, con gel e sapone a basi di alcol e rosmarino, salvia e alloro.

Nonostante la crisi, secondo la Coldiretti, gli italiani non hanno smesso di fare beneficenza: si parla di un buon 41% che hanno deciso di devolvere qualcosa in beneficienza con particolare attenzione soprattutto alle fasce deboli del nostro paese.