Categorie
Cronaca News

Si offrono di somministrare il vaccino a domicilio: scattano le denunce

Falsi operatori sanitari hanno proposto telefonicamente ad alcune persone di ricevere il vaccino a domicilio. La Asl 3 di Genova segnala il tentativo di truffa. Le forze dell’ordine mettono in guardia i cittadini.

vaccino a domicilio meteoweek
Gli unici ad averne attualmente diritto sono medici e operatori sanitari – meteoweek.com

Una vera e propria truffa è stata imbastita nelle scorse ore a Genova. Alcuni cittadini del capoluogo ligure hanno segnalato questo tentativo di frode nei loro confronti. Le operazioni di imbroglio ai danni dei comuni cittadini sarebbe stato perpetrato attraverso una serie di telefonate. A effettuarle sono stati soggetti, che si segnalavano al telefono come presunti operatori sanitari. Il loro obiettivo era quello di proporre la somministrazione del vaccino a domicilio contro il Covid-19. Ma naturalmente, come si può facilmente capire, si trattava per l’appunto di una truffa.

E così sono circolate le prime segnalazioni nei confronti delle forze dell’ordine, le quali non potevano fare altro che lanciare l’allarme. I soggetti in questione si presentavano al telefono, come detto, in qualità di operatori dell’azienda sanitaria locale di Genova. Dopo essersi presentati, proponevano alle vittime della loro truffa di giungere nelle loro case e somministrare il vaccino a domicilio. Si spacciavano dunque per infermieri e offrivano un servizio che al momento non esiste. Se non altro perchè i comuni cittadini non godono ancora della possibilità di ricevere l’antidoto contro il Covid.

Luigi Bottaro, presidente Asl Genova 3 – meteoweek.com

Leggi anche -> Covid-19 | Medici FIGC: “Vaccino obbligatorio per tutti i calciatori professionisti”

In questa primissima fase di somministrazione, infatti, il vaccino contro il coronavirus è previsto per alcune ristrette categorie. Tra queste spiccano gli operatori sanitari (quelli veri), i medici, gli infermieri e i residenti delle cliniche e delle Rsa. A loro si aggiungono i medici che operano nel campo della medicina generale e i pediatri di libera scelta, ma anche gli operatori delle pubbliche assistenze e altre figure professionali attive che operano nel sistema sanitario nazionale e locale. Dunque, qualsiasi offerta di somministrazione del vaccino a domicilio è una truffa.

Leggi anche -> Trovata morta Agitu Gudeta, simbolo di integrazione. Ipotesi omicidio

A prendere le distanze è stato anche Luigi Bottaro. Il direttore dell’azienda sanitaria locale di Genova, coinvolto in maniera diretta dai truffatori telefonici, non ha usato tante parole ma ha voluto comunque mettere in guardia i suoi concittadini. “Una procedura inesistente, quella della somministrazione del farmaco a casa“, ha detto Bottaro. Inoltre anche le forze dell’ordine locali hanno voluto mettere in guardia i genovesi, in vista dell’eventuale perpetrarsi di queste operazioni fraudolente. Chiunque proponga di somministrare il vaccino a domicilio, vi sta truffando.