Vaccini Covid: Italia prima in Ue per dosi somministrate, ottava nel mondo

Continua la campagna di vaccinazioni contro il Covid-19: in Italia sono stati somministrati oltre 320 mila vaccini. Il nostro Paese è primo in Ue per vaccinazioni, ottavo nel mondo dopo nazioni come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e Israele.

vaccini italia 7 gennaio - meteoweek
vaccini in Italia, dati aggiornati al 7 gennaio – meteoweek

Prosegue a ritmi sostenuti, la fase 1 dei vaccini nel nostro Paese. Salgono dunque a 322.943 le persone vaccinate contro il Covid-19 in Italia. A segnalarlo è il portale online del commissario straordinario per l’emergenza, aggiornato con un Reportrelativo alle ultime 24 ore. Con lo 0,55% di somministrazione rispetto al totale, l’Italia è ora il primo Paese nell’Unione Europea per numero di vaccinazioni contro il Covid, mentre si posiziona all’ottavo posto nella classifica mondiale. A stilare la classifica globale è il portale di Our World in Data, che si affida alle fonti ufficiali dei ministeri della Salute dei vari Paesi. Ai primi dieci posti, nell’ordine, si posizionano gli stati di Israele, Emirati Arabi, Bahrain, Stati Uniti, Gran Bretagna, Danimarca, Russia, Italia, Germania e Canada.

Procede la Fase 1 in Italia

Con oltre 320mila somministrazioni, l’Italia è ora il primo paese europeo, prima della Germania – che ha all’attivo 360mila dosi iniettate, e un indice dello 0,44% . Considerando il panorama nazionale, in testa alla classifica rimane ben fisso il Lazio (somministrate 41.244, il 67,2% del totale), mentre a seguire troviamo il Veneto (2.726 vaccinazioni, il 45,1% del totale) la Sicilia (con 35.361 dosi, equivalenti al 44,9% delle totali ricevute), l’Emilia-Romagna (31.786 vaccinazioni, il 53,4%) e la Campania (con 31.273 vaccinazioni, e dunque il 54,6%).

LEGGI ANCHE: A New York il 30% dei sanitari rifiuta il vaccino contro il Covid: “Non mi fido, è un mio diritto”

Sempre tenendo conto dei dati aggiornati alle 00.59, il numero attuale degli operatori sanitari vaccinati sale a 274.669. Si parla invece di 30.488 unità per il personale non sanitario, e di 17.786 ospiti di Rsa. Per fasce d’età, quella più interessata dalle somministrazioni va dai 50 ai 59 anni (92.000 cittadini in totale), mentre per distinzione di genere, le donne vaccinate sono attualmente 196.661, rispetto agli uomini che sono invece 126.282.

LEGGI ANCHE: Cina, stop alla missione Oms sulle origini del Covid: solo questione di visti?

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha risposto nelle scorse ore al segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, spiegando come tutti “i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, come tutto il personale sanitario, hanno la priorità nelle vaccinazioni. E, come già previsto dal piano strategico, avranno un ruolo fondamentale in fasi diverse della campagna di somministrazione del vaccino anti Covid-19”.