Crisi di governo, spunta il nome di Maria Elena Boschi come ministro

In caso di rimpasto, al governo potrebbe entrare Maria Elena Boschi, come ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Ciao Paola De Micheli. Bentrovata Maria Elena Boschi. Secondo quanto trapelato al Corriere della Sera, tra le ipotesi finite sul tavolo al Governo, a Palazzo Chigi, sarebbe finita anche la Boschi. Per lei, ci potrebbe essere un posto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al posto di Paola De Micheli, del Partito democratico. Oppure, potrebbe sostituire Nunzia Catalfo, al dicastero del Lavoro.

Leggi anche: Sondaggi: la Lega stacca il Pd, Renzi crolla sotto soglia di sbarramento

Tra le varie ipotesi circolate in queste ore, c’è anche quella di Ettore Rosato, di Italia Viva, che potrebbe finire al Ministero della Difesa. Lorenzo Guerini al Viminale. Stefano Patuanelli, attuale ministro dello Sviluppo Economico. all’Interno. A rischiare, quindi, sono i pentastellati: Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio; e Alfonso Bonafede, attuale Ministro della Giustizia.

Leggi anche: Maria Elena Boschi, scontro con Lilli Gruber: Interessata più alle mie foto che al Recovery

Proprio qualche giorno fa, parlando a La Stampa, Maria Elena Boschi ha commentato circa la sua possibilità o meno di entrare al Governo. “La narrazione che viene dagli uffici del premier è che ci accontenteranno con un rimpasto. Non è così. Per noi contano le idee, non gli incarichi”, ha detto capogruppo di Italia Viva. “Tutti a parole si dicono d’accordo con i temi che abbiamo posto. Innanzitutto chiariamoci su questo, poi verranno i ministri. Noi vogliamo aprire le scuole, non una crisi di governo. I governi durano finché hanno la maggioranza in Parlamento. Tocca al premier, non a me, decidere con quali strumenti vuole verificare se questa maggioranza c’è ancora”, ha proseguito. Poi, Maria Elena Boschi ha confermato che i ministri di Renzi sarebbero già pronti alle dimissioni e ha chiesto a Giuseppe Conte di agire in fretta. La partita è ancora aperta, ma le urne no. E intanto, nessuno ha intenzione di abbandonare i gruppi parlamentari di Iv.