Rider rapinato a Napoli è ancora senza lavoro: ha respinto già due offerte

Rider rapinato a Napoli è ancora senza lavoro: ha respinto già due offerte. Ma l’uomo spiega il perché ha rifiutato

Rider picchiato-Meteoweek.com

Gianni, 50 anni, il rider picchiato e rapinato a Calata Capodichino di Napoli settimana scorsa, è ancora senza lavoro. L’uomo, dopo la rapina, ripresa da un video in cui si vedono sei persone aggredirlo, ha ricevute diverse proposte di lavoro, ma non ha ancora trovato quello adatto alle sue esigenze.

Finora ha respinto due offerte, una da parte della macelleria Bifulco a Ottaviano, l’altra da un punto vendita dei supermercati Sole 365 a Caivano.

Leggi anche:—>Sommerso dai debiti, il fotografo Sbrescia si impicca a 66 anni

Il rider ha spiegato di aver rigettato le due offerte sopraccitate perché non può muoversi nella provincia di Napoli. Infatti l’unico mezzo a sua disposizione per spostarsi è il motorino e quindi sarebbe impossibile muoversi. Tuttavia c’è chi non ha gradito i suoi rifiuti perché, poiché l’uomo aveva urgenza di trovare lavoro, secondo molti avrebbe dovuto accettare volentieri qualunque tipo di impiego.