Festival di Sanremo: arriva l’approvazione del Cts

Il comitato tecnico scientifico approva il protocollo presentato dalla Rai e conferma ufficialmente lo svolgimento del Festival di Sanremo 2021.

Dopo mesi di lavoro senza sosta, ipotesi surreali sulla realizzazione dello spettacolo, chiamata alle armi di figuranti tra il pubblico, riduzione drastica dei giornalisti e momenti di panico in cui si temeva che tutto andasse in fumo, finalmente arriva il verdetto che tutti aspettavamo: il festival si farà! Ad annunciarlo è il comitato tecnico scientifico, che ha dato il suo benestare per lo svolgimento della kermesse in programma dal 2 al 6 marzo. Il protocollo elaborato dalla Rai prevede l’assenza di spettatori e tutta una serie di misure atte a ridurre al minimo le possibilità di contagio.

Il protocollo elaborato dalla Rai

Il protocollo presentato dalla Rai si presenta come un documento estremamente articolato, con planimetrie dettagliate, accessi e percorsi diversificati per cast, artisti, orchestrali, regole precise per prove ed esibizioni. Tutti coloro che entreranno al Teatro Ariston saranno tamponati ogni 72 ore e dovranno obbligatoriamente rispettare le abituali norme di igiene e distanziamento, oltre a indossare la mascherina Ffp2. Fanno eccezione conduttori, cast ed eventuali ospiti in video durante la diretta, anche se è prevista comunque la sanificazione di microfoni di cantanti e coristi e di tutti gli oggetti di scena.

Ariston
Photo credits: Marco Ravagli – AFP/Getty Images

Le regole da rispettare sul palco

Amadeus, Fiorello, le co-conduttrici, il cast e i cantanti in gara non saranno presenti contemporaneamente sul palco, ma entreranno singolarmente e durante le serate dovranno mantenere una distanza di 1,5 metri fra loro e di 2 metri dal resto del personale. Per quanto riguarda i gruppi in gara, anche per loro sono previsti distanziamenti minimi, così come per i 60 orchestrali. I musicisti potranno togliere la mascherina soltanto quando saranno in postazione, sempre opportunamente distanziati e con divisi da barriere in policarbonato.

LEGGI ANCHE: Morgan escluso da Sanremo: parla Mara Maionchi

Le disposizioni per gli artisti

Gli artisti in gara, appena fuori dal camerino, verranno portati nella Green Room in attesa di passare nella Red Room per trucco e Parrucco. Passeranno poi al retropalco e a fine esibizione si recheranno nella Blue Room per l’intervista radiofonica. Poi ritorneranno in camerino e usciranno sul retro del teatro. Se un artista dovesse risultare positivo al Covid, andrà in quarantena con tutto il suo team. In generale, chi presenta sintomi sarà messo in isolamento e sottoposto agli approfondimenti diagnostici.

Il commento di Amadeus

Il conduttore del 71° Festival di Sanremo, dopo mesi di tensioni e incertezze, si è dichiarato felicissimo per l’approvazione del Cts: “Questo via libera vuol dire non fermare la musica e, nel totale rispetto delle regole, dare agli italiani uno spettacolo importante e bellissimo. Il Festival di Sanremo ci appartiene e, anche in un anno difficile come questo, è importante che questa festa possa essere, con le dovute accortezze, nelle case degli italiani”.

In questo modo Amadeus ha accolto la lieta notizia e ha rassicurato i milioni di cittadini che attendevano con ansia un appuntamento imperdibile per il mondo della musica, uno dei pochi in questo periodo di totale assenza di concerti e spettacoli dal vivo.

LEGGI ANCHE: Fiorella Mannoia: il talento di amare attraverso la musica