Cara Beatrice Lorenzin, quel Carabiniere ucciso in Congo si chiamava Vittorio Iacovacci

Si chiamava Vittorio Iacovacci, il Carabiniere morto in Congo a cui Beatrice Lorenzin ha provato a dedicare un tweet di cordoglio omettendone però il nome.

Post Lorenzin

 

Voleva fare un tweet commemorativo e invece Beatrice Lorenzinha fatto un tweet da epic fail, rimbalzato in un attimo su tutti i social. “Mi stringio attorno alle famiglie dell’ambasciatore Luca Attanasio e del giovane carabiniere”, ha scritto Beatrice Lorenzin riferendosi a quanto accaduto in Congo. ( e la “i” di troppo non è certo passata inosservata). Ma l’errore più grave arriva dopo quando, alle parole “giovane carabiniere”, segue una parentesi tonda: “(metti il nome)”. Chi si occupa di comunicazione – ma anche chi non ne capisce molto – avrà quindi intuito due cose. La prima: la Lorenzin non ricordava il nome del Carabiniere rimasto vittima di un agguato in Congo quest’oggi. La seconda: chi ha scritto quel messaggio non è la stessa persona che lo ha pubblicato.

Leggi anche: Attacco all’ambasciatore in Congo: tre persone sono state rapite

Ricapitolando, l’ex Ministro della Salute avrà contattato il suo social media manager, inviandogli il testo del tweet. Nel testo, gli avrebbe indicato di inserire il nome del militare caduto. Chi è stato incaricato di condividere il tweet, però, non ci ha prestato attenzione e, facendo copia e incolla, si è trascinato dietro l’indicazione fornita dalla Lorenzin. Il tweet è stato successivamente rimosso e sostituito con un nuovo. Il Giovane Carabiniere non è stato comunque citato ma il secondo tentativo è nel complesso riuscito meglio del primo.

Leggi anche: Addio Vittorio Iacovacci, il carabiniere morto nell’attacco terroristico in Congo

Ciò che è certo è che la comunicazione istituzionale gioca un ruolo fondamentale e non è un caso se proprio Mario Draghi ha sostenuto la necessità di effettuare un cambio a tal proposito, per evitare critiche e confusione. La svista della Lorenzin, ad esempio, è indubbiamente passata sui social come un tremendo errore e, nel peggiore dei casi, come una mancanza di rispetto verso l’Arma dei Carabinieri in generale. A conti fatti, errare è umano. Ma se non si sa comunicare, tanto vale non farlo.