Brescia verso il lockdown, Bertolaso annuncia la terza ondata: hanno ragione i virologi ?

Da tempo i virologi insistono sulla necessità di un lockdown. Una strada che sembra seguire Brescia, dove l’incidenza sarebbe doppia rispetto alle altre province lombarde. Secondo Guido Bertolaso, saremmo già alla terza ondata.

“A Brescia evidentemente ci troviamo di fronte alla terza ondata”. A dirlo è stato Guido Bertolasointervenendo durante il Consiglio regionale della Lombardia per fare il punto sulla situazione della provincia lombarda. La provincia ha cambiato colore, arrivando ad un “arancione rafforzato”. Chiuse, quindi, le scuole di ogni ordine e grado. “La provincia di Brescia ha un’incidenza, ovvero un numero di nuovi casi, doppia rispetto al resto delle province lombarde”, ha chiarito Bertolaso gettando un primo allarme sulla situazione dei reparti di rianimazione, già sotto stress. Nel resto della Regione, invece, la situazione pandemica sembra essere sotto controllo e più gestibile rispetto all’autunno passato.

Leggi anche: Allarme terza ondata a Brescia, lo conferma Bertolaso

Intanto Letizia Moratti ha annunciato che la Regione Lombardia attuerà una rimodulazione della strategia vaccinale come strumento prioritario di contenimento del contagio. “Verranno concentrati, nei limiti del possibile e delle linee guida del ministero, le attività di vaccinazione. In particolare partendo dai comuni al confine tra la provincia di Brescia e di Bergamo con presenza importante di focolaio di contagio legato alle varianti e situazione di tensione legata alla saturazione delle Terapie Intensive locali”, ha chiarito il vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti riferendo al Consiglio Regionale circa la decisione di entrare in zona arancione rafforzata.

Leggi anche: Bertolaso chiede una legge: “Un decreto per attuare il piano vaccinale”

Che abbiano ragione i virologi? Moltissimi, infatti, sono gli esperti che sostengono la necessità di una nuova chiusura per cercare di frenare l’avanzata delle varianti. Ma i politici, a partire da Matteo Salvini, si oppongono chiedendo invece maggiori libertà proprio in quelle zone in cui potrebbe essere possibile un allentamento.