Milano in zona arancione: movida, balli e rissa in Darsena

Serata di ordinaria follia a Milano in una città che si preparava al lockdown: tantissimi i giovani senza mascherina in pieno centro

Milano Darsena
Uno scatto social dell’assembramento di giovanissimi in Darsena a Milano (Foto Metwoeek)

La Lombardia torna in zona arancione e lo fa tra polemiche e questioni eclatanti che ieri hanno occupato a lungo le cronache social con video e foto diventati virali.

Milano da bere

Così com’era accaduto in precedenza anche in altre città, Milano torna in un clima rigidissimo di ‘quasi lockdown’ con immagini di una folla di giovanissimi senza mascherina in piena Darsena. Impegnati a godersi le ultime ore prima del coprifuoco. Alcol, musica, una grande libertà: pure troppa.
Non sono mancate le polemiche sui social mentre le autorità annunciavano il ritorno alla zona arancione chiedendo ‘senso di responsabilità e rispetto delle regole’.

A Milano non si sono visti né l’uno né l’altro: alcune centinaia di ragazzi si accalcano sui gradoni della Darsena fin dalle 17 bevendo e ballando. Il clima quasi primaverile, si registravano 18°, ha portato ancora più gente fuori verso l’ora di cena.

LEGGI ANCHE > Droga, a Milano scatta l’Operazione Lockdown: 24 arresti

Prima i balli poi la rissa

In un tam tam silenzioso, alle 22, quando tutti avrebbero dovuto già essere a casa nel rispetto di regole ormai consolidate, è successo di tutto. Una rissa gigantesca che ha coinvolto diverse decine di ragazzi: calci, spintoni e lanci di bottiglia per diversi minuti. Con un fuggi fuggi generale di numerose persone mentre gli agenti di Polizia, gli unici che indossavano la mascherina regolarmente, sono intervenuti a disperdere i giovanissimi.
La situazione è tornata alla normalità dopo quasi un’ora. Da domani Milano sarà di nuovo blindata con numeri che non lasciano presagire nulla di buono.