Coldiretti: 6 italiani su 10 a ristorante nel weekend

Bar e ristoranti tirano un sospiro di sollievo a seguito dell’allentamento delle misure di restrizione contro il Covid-19. Gli italiani hanno invaso le attività di ristorazione nel primo weekend di libertà e nel giorno della Festa della Repubblica. Le analisi di Coldiretti rivelano infatti che il 62,5% della popolazione ha scelto di trascorrere ore all’aria aperta in serenità, per lo più tra mare e campagna. 

Coldiretti ristorante
Le attività di ristorazione sono tornare a riempirsi in zona gialla e in zona bianca – meteoweek.com

Una boccata di ossigeno per i bar e i ristoranti. Gli italiani, infatti, sono tornati a riempire le attività, prima all’aperto e adesso anche al chiuso. Lo slittamento del coprifuoco ha incentivato le famiglie ad uscire. Una stima di Coldiretti, nel dettaglio, rivela che ben 6 persone su 10 (il 62,5% della popolazione) hanno prenotato in qualche locale nel primo weekend di apertura totale. I 360 mila servizi di ristorazione presenti nel Paese hanno registrato quasi il tutto esaurito. La storia si è ripetuta anche mercoledì 2 giugno. In quel caso, in particolare, ben 9 milioni di italiani (quasi il 20%) hanno optato per una gita fuori porta. Al mare, in montagna o in campagna. Boom di prenotazioni, a tal proposito, nei 24 mila agriturismi nazionali. Essi hanno il vantaggio di godere di ampi spazi aperti, dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza. Dai prossimi giorni la situazione sarà ancora in miglioramento con il “via libera” alle tavolate all’aperto senza numero massimo di commensali.

LEGGI ANCHE -> Salvini: “Spero entro giugno federazione del Centrodestra”. Il programma della coalizione

Le stime di Coldiretti

Le riaperture, ha sottolineato la Coldiretti, rappresentano un importante segnale di ripartenza per le attività di ristorazione. Il settore è stato infatti tra i più duramente colpiti dalle misure restrittive utili a evitare la diffusione del Covid-19, che hanno provocato un crack senza precedenti. Il fatturato di bar e ristoranti, nell’ultimo anno, è quasi dimezzato (-48%) per una perdita complessiva di quasi 41 miliardi di euro. A beneficiare della boccata d’ossigeno, ha precisato l’Organizzazione degli imprenditori agricoli, sono anche le piccole produzioni di nicchia, custodite lungo tutta la Penisola da generazioni dagli agricoltori la cui sopravvivenza è determinata proprio dalla ripresa del turismo e della ristorazione. Si tratta di un tesoro di 5.266 prodotti alimentari tradizionali unici al mondo legati alla storia e all’economia dei territori, che sono il simbolo della grande creatività, tradizione, qualità e sicurezza alla base del successo del Made in Italy nel mondo.

LEGGI ANCHE -> Mafia, confiscati 100 mln a imprenditore: gestiva complesso turistico

ristorante coldiretti
Da lunedì all’aperto non ci sarà più un numero massimo di commensali all’aperto – meteoweek.com