Sei persone “vaccinate” con soluzione fisiologica: caccia ai malcapitati

In provincia di Pistoia a 6 persone è stata iniettata soluzione fisiologica al posto del vaccino contro il Covid-19. L’errore è stato rilevato soltanto al termine della giornata, quando è avanzata una dose del siero. La Asl locale ha contattato le 36 persone che avevano ricevuto la somministrazione nel box, ma per individuare coloro che non sono stati immunizzati sarà necessario attendere i tempi utili per verificare lo sviluppo degli anticorpi.

soluzione fisiologica
Le siringhe utilizzate avevano all’interno soltanto la soluzione fisiologica – meteoweek.com

Un errore meno grave rispetto a quello di sovradosaggio, ma altrettanto scomodo. Sei persone nel centro vaccinale di San Biagio di Pistoia sono state ‘vaccinate’ esclusivamente con soluzione fisiologica. L’errore, come ha sottolineato la Asl, è venuto alla luce soltanto nel momento in cui gli operatori sanitari si sono accorti di avere a disposizione una fiala in più rispetto a quelle che sarebbero dovute essere utilizzate. Uno di loro, infatti, “ha erroneamente diluito con soluzione fisiologica una delle fiale già utilizzate, priva di principio attivo“. I soggetti coinvolti, dunque, non svilupperanno alcuna immunità. La buona notizia, d’altra parte, è che non ci sarà alcuna reazione avversa. Le operazioni, infatti, sono state condotte nel rispetto delle norme di sterilità e la soluzione fisiologica, da parte sua, non causa alcun danno. Il problema, adesso, è trovare coloro che non hanno ricevuto la propria dose del vaccino.

La ricerca delle persone a cui è stata iniettata la soluzione fisiologica

Il box in cui si è verificato l’episodio, nella giornata in questione, aveva registrato ben trentasei persone. Soltanto sei di queste, tuttavia, non hanno ricevuto il vaccino contro il Covid-19. Per risalire a quest’ultime è stato necessario sottoporre tutti i soggetti ad un prelievo ematico in modo da verificare quali non stessero sviluppando gli anticorpi utili a sconfiggere il virus in caso di infezione. I soggetti in questione, successivamente, potranno tornare al centro vaccinale in modo da potere farsi iniettare la giusta dose.

Sono profondamente dispiaciuto in merito a quanto occorso. Mi preme precisare che nessuno degli utenti rischia danni alla propria salute a seguito di somministrazione di soluzione fisiologica. L’Azienda Usl, effettuate le indagini di laboratorio necessarie, si farà tempestivamente carico di eseguire nuovo ciclo vaccinale ai sei cittadini”. Lo ha detto il dg Paolo Morello Marchese, il quale si è scusato per quanto accaduto.

LEGGI ANCHE -> Luca Trapanese a Meteoweek: “Quei bimbi non hanno nulla dalla vita. Meritano almeno rispetto dalle istituzioni” [VIDEO]

soluzione fisiologica
Paolo Morello Marchese, direttore generale del centro di vaccinazione – meteoweek.com

LEGGI ANCHE -> Covid, Bonanni: “Decisione su AstraZeneca fa chiarezza, intervenire quanto prima”

Non è, tuttavia, la prima volta che accade un episodio di questo genere in Toscana. In due occasioni, infatti, a soggetti da vaccinare erano state erroneamente somministrate più dosi – quattro, per la precisione – del dovuto. Prima in un centro vaccinale di Massa, poi in uno di Livorno. Gli effetti collaterali del sovradosaggio, però, sono d’altra parte ben più rilevanti rispetto a quanto accaduto con le pseudovaccinazioni con la soluzione fisiologica.