Adesca minore affetta da deficit cognitivo sui social e la convince a mandargli materiale pornografico

Un 29enne residente a Chiusi (Siena), è stato denunciato dalla Polposta di Prato per adescamento di minorenni, violenza sessuale e pornografia minorile per aver indotto una minore, “attraverso una manipolazione psicologica, a produrre foto e video a contenuto sessuale esplicito”.

Cosa è accaduto

29enne denunciato per adescamento di minorenni – Meteoweek

Secondo quanto spiegato dalla polizia, il 29enne, conosciuta la sua presunta vittima sui social, avrebbe approfittato di “uno stato di inferiorità” della minore, che soffre di “un deficit cognitivo”, portandola a credere nel mondo della fate e convincendola a inviargli materiale a contenuto sessuale esplicito perchè necessario per la sopravvivenza delle fate stesse.

LEGGI ANCHE: Strage di Ardea, la madre del killer: «Gesto folle, nessuna giustificazione»

Le indagini

La ragazza ha parlato con la madre della chat che aveva con il 29enne e da lì è scattata l’indagine. In occasione poi di una perquisizione a casa dell’indagato, è stato rinvenuto uno smartphone usato per la connessione al profilo social con cui avrebbe “adescato vittime minorenni con il solito modus operandi”. Sarebbe inoltre emerso un altro profilo di messaggistica in cui il 29enne avrebbe scaricato materiale pedopornografico “ottenuto dalle proprie vittime al fine di riceverne altro più spinto: sui dispositivi trovate numerose immagini e video di natura pedopornografica”.