Un convegno per promuovere l’emancipazione delle donne nel lavoro, l’iniziativa delle associazioni di medici e odontoiatri

Per poter realmente intraprendere un percorso che permetta alle donne di potersi realmente emancipare sul lavoro, è fondamentale il dialogo tra i diversi ordini professionali sul tema. Questo il motivo che ha spinto le associazioni che rappresentano i medici e gli odontoiatri a organizzare un convegno itinerante sul tema che partirà a Firenze

Getty Images

Un convegno che si propone di riflettere sull’attuale condizione delle donne nel mondo del lavoro, e su come sia possibile acquisire una maggiore consapevolezza sul tema, per favorire un dialogo tra gli ordini professionali che ne incentivi la loro emancipazione. Questo lo scopo dell’evento intitolato “Volere e (è) potere, self empowerment 2021”. Si tratta di una conferenza organizzata dal Comitato per le Pari Opportunità Medici e Odontoiatri, e inizierà con una prima data nella città di Firenze nella giornata di domani venerdì 15 ottobre 2021. 

I dati forniti Scuola sant’Anna certificano quanto per le donne la strada sia ancora in salita nei luoghi di lavoro

Getty Images

A spiegare meglio i contenuti di questa nuova iniziativa è stata Lucia Toscani, che ricopre il ruolo di coordinatrice della Commissione Pari Opportunità dell’ordine di medici e odontoiatri di Firenze. Secondo la donna, sono tanti i problemi comuni agli ordini professionali, ed è importante in questo momento storico “facilitare la relazione fra i vari ordini professionali favorisce il processo di crescita lavorativa delle donne, sempre più protagoniste in tutti i settori”. Ma non solo, perché è altrettanto importante “focalizzare il convegno sul concetto di empowerment al lavoro significa ‘diventare autrice della propria vita, indipendentemente dai voleri, dai condizionamenti e dalle decisioni altrui’. Evidente come l’emancipazione della donna sui luoghi di lavoro sia una questione strettamente legata a una maggiore tutela dei loro diritti. Ma che di strada per poter ambire a ottenere una reale parità di genere nei luoghi di lavoro ce ne sia ancora tanta da fare, non è certo un mistero. 

Leggi anche: Green pass, Bassetti si dichiara contrario: “A queste condizioni non serve”

Leggi anche: Smaltivano illegalmente rifiuti speciali in un capannone, due persone indagate dalla Guardia di Finanza

Una recente indagine a riguardo condotta dal laboratorio management e Sanità della Scuole Superiore Sant’Anna di Pisa ha rilevato come al momento, su un totale di 439 dirigenti medici, l’86 per cento sono uomini. Un dato che deve necessariamente far riflettere su quanto ancora le donne siano poco considerate per i ruoli di responsabilità e di come convegni come questo siano fondamentali per far prendere consapevolezza alle persone su quanto sia urgente affrontare questo problema.